RICHIEDI L'ISCRIZIONE AL FORUM PER POTER PARTECIPARE ED ACCEDERE A TUTTE LE DISCUSSIONI
CLICCA QUI PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE !!
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Facebook  

La metafonia

Ultimo Aggiornamento: 10/09/2014 00.43
Autore
Stampa | Notifica email    
18/11/2012 18.18
 
Quota

Articolo di Victor Zammit

Con mia sorpresa, pochissime persone sono consapevoli dell'enorme balzo in avanti che è stato compiuto nella comunicazione con l'Aldilà grazie all'utilizzo della tecnologia. Sebbene in tema di Metafonia o EVP ci siano libri altamente attendibili provenienti da fonti inappuntabili, i mass media non ne fanno mai menzione. E tuttavia queste importantissime scoperte rivelano una comunicazione oggettiva tra coloro che vivono fisicamente in questo mondo e coloro che sono morti e vivono adesso in una dimensione diversa.

[IMG]http://www.altrogiornale.org/images/newspost_images/evp.jpg[/IMG]

Voci che rispondono a domande

Per più di cinquant'anni, gli sperimentatori di tutto il mondo hanno registrato su nastro magnetico "voci paranormali" - voci che non vengono sentite mentre il magnetofono registra, ma che è possibile udire quando il nastro viene riprodotto. Parecchi di questi brevi messaggi attestano di provenire da persone amate ormai defunte. Tali messaggi sono dotati di senso compiuto, utilizzano il nome dello sperimentatore e rispondono a domande.

In tutto il mondo ci sono migliaia di ricercatori che hanno indagato su questo affascinante fenomeno paranormale. Al momento in cui scrivo, il motore di ricerca Google fornisce quasi 50.000 risultati per la parola chiave EVP. Ciò è di grande rilevanza per la mia tesi, in quanto vengono seguite rigorose procedure scientifiche e gli esperimenti sono stati ripetuti, in condizioni di laboratorio, da tutti i generi di ricercatori, in molti Paesi diversi. Gli investigatori caparbi rimangono profondamente scioccati quando decidono di indagare sulla metafonia, in quanto, utilizzando il metodo appropriato di registrazione, riescono frequentemente ad ascoltare la voce delle persone amate o degli amici che sono morti.

Colin Smythe e Peter Bander

Questo è esattamente ciò che accadde al Dott. Peter Bander, libero docente di Educazione Religiosa e Morale presso uno dei College dell'Istituto Educativo di Cambridge. Peter Bander, psicologo di esperienza e teologo cristiano con un'intrinseca ostilità nei confronti dei fenomeni paranormali, affermò espressamente, prima di indagare sul fenomeno della metafonia, che per i "morti" era impossibile comunicare con noi. Disse che era "non solo assurdo ma anche oltraggioso" persino pensare una cosa del genere (Bander 1973: 3).

Quando l'editore Colin Smythe chiese a Peter Bander di occuparsi della metafonia nel 1972, la risposta di Bander fu un secco "No". Così, Colin Smythe decise di sperimentare in prima persona con un magnetofono, seguendo le procedure indicate nel libro di Konstantin Raudive, Breakthrough (1971). Chiese a Bander di registrare per alcuni minuti. Quindi riavvolse il nastro e lo riprodusse. Dopo dieci minuti stava per lasciare perdere, quando improvvisamente Bander disse:

Ho notato il ritmo peculiare citato da Raudive e dai suoi colleghi ... Ho udito una voce ... Ho creduto che fosse la voce di mia madre morta da tre anni (Bander 1973: 4).

In seguito Colin Smythe pubblicò Voices from the Tapes in cui ci sono quattro pagine di fotografie che mostrano i diversi partecipanti ai successivi esperimenti di Bander. Questi furono condotti in rigorosissime condizioni di controllo. In una occasione, gli sperimentatori furono condotti all'interno di studi isolati acusticamente per eliminare variabili estranee ed eliminare segnali radio casuali.

Nel giro di 27 minuti si ricevettero circa 200 voci.

Tra i commenti degli osservatori citati nel libro di Bander ricordiamo quello di Ken Attwood, Ingegnere Capo di Pye, il quale affermò:

Ho fatto, senza alcun successo, tutto ciò che è in mio potere per svelare il mistero delle voci; lo stesso vale per gli altri esperti. Suppongo che si debba imparare ad accettarle (Bander 1973: 132).

Il Dott. Brendan McGann, Direttore dell'Istituto di Psicologia di Dublino, ebbe a dire:

Apparentemente sono riuscito a riprodurre i fenomeni. Su un nastro sono apparse voci che non provenivano da alcuna fonte conosciuta (Bander 1973: 132).

A.P. Hale, Fisico e Ingegnere Elettronico, affermò:

Osservando i test eseguiti in un laboratorio schermato della mia azienda, non sono in grado di spiegare, in comuni termini fisici, cosa sia successo (Bander 1973: 132).

Sir Robert Mayer, Avvocato e Dottore in Scienza e Musica, giunse alla seguente conclusione:

Se gli esperti sono sbalorditi, considero questa una ragione sufficiente per presentare la metafonia al grande pubblico (Bander 1973: 132).

Ted Bonner di Decca e RTE disse:

Non c'è trucco. Questa non è illusione; è qualcosa che non ci eravamo mai sognati prima (Bander 1973: 106).

I test del Laboratorio Pye, eseguiti da Colin Smythe e Peter Bander prima della pubblicazione di Breakthrough, furono disposti e finanziati dall'Editore Capo del giornale inglese Sunday Mirror.

Ronald Maxwell, giornalista del Sunday Mirror, aveva supervisionato i test e aveva preparato un articolo di tre pagine, con fotografie, con cui ne supportava le conclusioni. Si compiaceva per il fatto che gli esperti di elettronica scelti dal giornale avevano verificato che le voci erano autentiche e che non erano stati riscontrati né frode né trucchi. Tuttavia, all'ultimo minuto, l'articolo, di estrema importanza, venne bloccato, senza alcuna spiegazione, dall'Editore Capo, il quale si rifiutò di pubblicare la storia sul giornale. Con le parole di Peter Bander:

L'esperimento, che era stato organizzato e finanziato dal Sunday Mirror, aveva prodotto risultati che non incontravano il favore di colui che prendeva le decisioni (Bander 1973: 68).

Maxwell e Cyril Kersh, gli editori delle attrazioni principali, ci riprovarono una settimana dopo. Questa volta avevano raccolto le informazioni e le dichiarazioni rilasciate da scienziati di punta come Peter Hale. Ma nuovamente l'Editore Capo si rifiutò di pubblicare l'articolo (Bander 1973: 68).

I pionieri della metafonia

Gli esperimenti di Peter Bander furono ispirati dalle ricerche del Dott. Konstantin Raudive. Il Dott. Raudive lavorava in Germania con l'obiettivo di riprodurre le ricerche condotte da Friedrich Jürgenson che, per caso, nel 1959 aveva riscoperto il Fenomeno delle Voci. La ricerca classica di Raudive's nota con il titolo inglese di Breakthrough (1971) era basata su 72.000 voci che egli aveva registrato. Il lavoro sulla metafonia era in realtà iniziato negli anni '20 del XX secolo, con Thomas Edison che credeva che ci potesse essere, tra le onde lunghe e le onde corte, una frequenza radio in grado di rendere possibile una qualche forma di contatto telepatico con l'altro mondo (Stemman 1975: 98).

È importante sottolineare che i pionieri della radio e della televisione, Marconi, Edison, Sir Oliver Lodge, Sir William Crookes, John Logie Baird, erano tutti convinti della realtà della comunicazione spiritica, e utilizzarono le loro competenze professionali per dimostrarla. Le prime voci furono catturate su dischi fonografici nel 1938 e su registratori a nastro nei primi anni '50 del Novecento. A seguito della pubblicazione del libro di Bander, avvenuta nel 1973, il lavoro è stato intrapreso da migliaia di ricercatori in molti Paesi.

Il Vaticano e la metafonia

Sebbene la cosa non sia nota a molti cristiani - cattolici, protestanti e fondamentalisti - la Chiesa Cattolica ha avuto un atteggiamento positivo e di incoraggiamento nei confronti delle indagini sulla metafonia.

Due dei primissimi investigatori furono preti cattolici italiani, Padre Ernetti e Padre Gemelli, i quali si imbatterono casualmente nel fenomeno nel 1952 mentre stavano registrando dei canti gregoriani.

Padre Gemelli udì sul nastro la voce di suo padre che lo chiamava con il soprannome che aveva da bambino, e diceva "Zucchini, è chiaro, non sai che sono io?"

Profondamente perplesso a causa degli insegnamenti cattolici in materia di contatto con i morti, i due preti si recarono a Roma in visita a Papa Pio XII.

Il Papa li rassicurò:

Caro padre Gemelli, non ha davvero nessun motivo di preoccuparsi. L'esistenza di queste voci è un fatto rigorosamente scientifico e non ha nulla a che vedere con lo spiritismo. Il registratore è totalmente obiettivo. Riceve e registra solo le onde sonore da qualunque posto esse provengano. Questo esperimento potrebbe divenire la pietra angolare di un edificio per gli studi scientifici che rafforzerà la fede della gente nell'Aldilà (Rivista italiana Astra, giugno 1990 citata da Kubis e Macy, 1995: 102 ).

• Il cugino di Papa Pio XII, il Rev. Professor Dott. Gebhard Frei, co-fondatore dello Jung Institute, era un parapsicologo noto a livello internazionale e uno stretto collaboratore di Raudive, uno dei pionieri della ricerca. Fu anche Presidente della Società Internazionale dei Parapsicologi Cattolici. È nota questa sua affermazione:

Tutto ciò che ho letto e sentito mi obbliga a credere che le voci provengono da entità trascendentali e individuali. Mi piaccia o no, non ho il diritto di dubitare della genuinità delle voci (Kubris e Macy, 1995: 104).

• Il Dott. Professor Gebhard Frei morì il 27 ottobre del 1967. Nel novembre del 1967 in numerose registrazioni si presentò una voce che si identificò con il nome di Gebhard Frei. La voce venne riconosciuta dal Prof. Peter Hohenwarter dell'Università di Vienna e venne attribuita al Dott. Frei (Ostrander e Schroeder, 1977: 271).

• Papa Paolo VI era a conoscenza del lavoro sulla metafonia compiuto fin dal 1959 dal suo caro amico, il produttore cinematografico svedese Friedrich Jürgenson, il quale aveva realizzato un film su di lui. Per il suo lavoro, nel 1969 il Papa nominò Jürgenson Cavaliere dell'Ordine di S. Gregorio. Jürgenson scrisse a Bander, il ricercatore britannico sulla metafonia, le seguenti parole:

In Vaticano ho incontrato un atteggiamento favorevole nei confronti della metafonia. Ho stretto molte splendide amicizie fra le figure di spicco della Città Santa. Oggi "il ponte" si regge stabilmente sulle sue fondamenta (Ostrander e Schroeder, 1977: 264).

• Il Vaticano diede anche ai propri preti il permesso di indagare sul fenomeno delle voci - Padre Leo Schmid, un teologo svizzero ne raccolse più di diecimila nel suo libro Quando i Morti Parlano (When the Dead Speak), libro che venne pubblicato nel 1976, poco dopo la sua morte.

• Un altro ricercatore che ebbe il placet del Vaticano fu Padre Andreas Resch, il quale, oltre a condurre degli esperimenti in prima persona, tenne corsi di parapsicologia presso la scuola sacerdotale del Vaticano a Roma (Kubris e Macy, 1995: 104).

• Nel 1970 la Società Internazionale dei Parapsicologi Cattolici tenne una conferenza in Austria; gran parte della conferenza si occupò dei documenti sulla metafonia.

• In Inghilterra, nel 1972 quattro membri dell'alta gerarchia cattolica parteciparono alle famose prove di registrazione dello studio di Pye condotte da Peter Bander (Connelly 1995: 44).

• Padre Pistone, Superiore della Società di San Paolo in Inghilterra, dopo le prove rilasciò in un'intervista le seguenti parole:

Nelle Voci non vedo niente di contrario agli insegnamenti della Chiesa Cattolica; sono qualcosa di straordinario ma non c'è ragione di temerle, né vedo alcun pericolo (Bander 1974: 132).

La Chiesa si rende conto del fatto che non può controllare l'evoluzione della scienza. Qui siamo di fronte ad un fenomeno scientifico; questo è il progresso e la Chiesa è favorevole al progresso. Sono contento di vedere che i rappresentanti della maggior parte delle Chiese hanno adottato il nostro stesso atteggiamento: noi riconosciamo che l'argomento delle Voci stimola l'immaginazione persino di coloro che hanno sempre sostenuto che non ci potessero essere prove o basi di discussione in materia di vita dopo la morte. Questo libro e gli esperimenti successivi sollevano seri dubbi, anche nella mente degli atei. E già questa è una buona ragione perché la Chiesa appoggi gli esperimenti. Un seconda ragione può essere individuata nella maggiore flessibilità adottata dalla Chiesa fin dal Concilio Vaticano II; vogliamo mantenere una mentalità aperta su tutte quelle questioni che non contraddicono gli insegnamenti della Chiesa (Bander 1974: 103).

• Sua Eccellenza l'Arcivescovo Cardinale, Nunzio Apostolico in Belgio commentò:

Naturalmente è tutto molto misterioso, ma sappiamo che le voci ci sono per essere ascoltate (Bander 1974: 132).

• Il Giusto Reverendo Mons. Prof. C. Pfleger commentò:

I fatti ci hanno dato la consapevolezza che fra la morte e la risurrezione c'è un altro stadio di esistenza post mortem. La teologia cristiana ha poco da dire riguardo a questo stadio (Bander 1974: 133).

• Il libro di Bander (1973: 133) contiene una fotografia del Giusto Reverendo Mons. Stephen O'Connor, Vicario Generale e Principale Cappellano Cattolico Romano presso la Marina Britannica, mentre ascolta una registrazione in cui si era manifestata una voce che sosteneva d'essere quella di un giovane ufficiale della Marina che si era suicidato due anni prima. Ironicamente, il Dott. Raudive aveva registrato autonomamente lo stesso messaggio qualche tempo prima.

• Fin dagli anni '70 del Novecento, il Vaticano ha continuato a sostenere una ricerca approfondita in tutte le aree della parapsicologia, compresa la metafonia.

• Recentemente Padre Gino Concetti, uno dei teologi più competenti del Vaticano, ha detto in un'intervista:

Secondo il catechismo moderno, Dio consente ai nostri cari defunti, che vivono in una dimensione ultra-terrena, di inviare messaggi per guidarci in certi momenti difficili della nostra vita. La Chiesa ha deciso di non proibire più il dialogo con i morti, a condizione che questi contatti siano motivati da seri propositi religiosi e scientifici (pubblicato sul quotidiano vaticano L'Osservatore Romano - citato su Sarah Estep's American Association Electronic Voice Phenomena, Inc Newsletter, Vol 16 No, 2 1997 )

Ovviamente, la Chiesa si rende conto del fatto che la scienza sta facendo progressi enormi, inevitabili, irreversibili e cumulativi che nessuno ha l'autorità di fermare.
Concorso Sportivo Annuale 2017Ipercaforum229 pt.27/07/2017 18.20 by Arcanna Jones
Se io scrivo .... tu pensi a ? Oasi Forum145 pt.28/07/2017 02.42 by possum jenkins
Cosa può fare un cristiano che non riesce a trovare un coniuge adatto?Testimoni di Geova Online...82 pt.28/07/2017 07.01 by I-gua
il topic delle somiglianzeSenza Padroni Quindi Roma...45 pt.27/07/2017 20.38 by jandileida23
21/02/2013 12.10
 
Quota

Mi interessa molto il fenomeno in particolare quello di Marcello Bacci ma non se ne viene a capo. Ci sono testimonianze e forse anche autorevoli riguardo il famoso esperimento in cui prenderono parte 37 persone il 5 dicembre 2004.
Questo è il link se vuoi approfondire.

http://www.marcellobacci.it/1index.htm

Qui invece puoi ascoltare dei fili audio in formato mp3 registrati durante le sedute di Bacci.

1)Il Vortice ( sembra che questo rumore somigliante a un vortice di vento fosse il preludio di tutti gli esperimenti )

Vortice

2)I cori ( erano presenti al termine di ogni registrazione ). Sono stupendi e lasciano veramente di stucco.

Cori

3)La voce (che sul sito viene definita paranormale)

Voce


In breve. Il Bacci è sicuro della natura paranormale delle voci.
Sta di fatto che durante l'esperimento del 2004 non autorizzò la presenza del Cicap.

Qui una breve spiegazione di Marco Morocutti ( Cicap ) sul perché Bacci non abbia voluto la sua presenza.

Spiegazione


Mi piacerebbe il parere di un tecnico radio e sapere se una radio a valvole ( quella utilizzava Marcello bacci ) può funzionare anche in assenza di valvole.Attendo nuove.

[Modificato da Nuit.Dea 21/02/2013 12.11]
OFFLINE
Post: 722
Registrato il: 06/06/2011
Sesso: Maschile
Utente Senior
21/02/2013 14.05
 
Quota

Ora sto loggando in mezzo minuto di tempo libero. Dopo esporrò un parere più completo.
Intanto rispondo a nuit.dea sulle valvole anche se non sono l'esperto che cercava.

Tratto da Wikipedia

Un apparecchio nato con le valvole può funzionare se il circuito viene sostituito con i transistor che sono facilmente nascondibili poiché molto più piccoli.
[Modificato da Hybrid1973 21/02/2013 14.08]
-------

Esistono solo 10 tipi di persone: quelle che conoscono il codice binario e quelle che non lo conoscono.
21/02/2013 14.22
 
Quota

Re:
Hybrid1973, 21/02/2013 14:05:

Ora sto loggando in mezzo minuto di tempo libero. Dopo esporrò un parere più completo.
Intanto rispondo a nuit.dea sulle valvole anche se non sono l'esperto che cercava.

Tratto da Wikipedia

Un apparecchio nato con le valvole può funzionare se il circuito viene sostituito con i transistor che sono facilmente nascondibili poiché molto più piccoli.



Hybrid va bene attendo anche il tuo parere. Mi chiedo se durante l'esperimento si possa aver avuto il tempo per una eventuale sostituzione o se la radio possa essere stata modificata antecedentemente. Vorrei ricordare che è vero che il Cicap non era presente ma altri esperti sì.
OFFLINE
Post: 722
Registrato il: 06/06/2011
Sesso: Maschile
Utente Senior
21/02/2013 17.42
 
Quota

Ok ora ho più tempo.
Premetto che la discussione mi era sfuggita e ringrazio nuit per averla ritirata fuori.
Prima di entrare nella questione, dico che non è possibile sostituire le valvole con dei transistor così al volo. Occorre riadattare un pò il circuito quindi va fatto prima, con malafede.
La valvola però non è di solito saldata sul circuito ma è inserita in un apposito zoccolo che ha dei forellini nei quali i piedini della valvola entrano. I piedini dello zoccolo sono saldati sulla piastra.
Rimuovere una valvola significa sfilarla dalla sede ove poi potrebbe anche essere ri-infilata.
Quando la valvola lavora, emette luce anche se fioca.
Se l'apparecchio in questione durante il funzionamento ha le valvole davvero collegate, allora esse dovrebbero emettere luce. Se una volta tolte l'apparecchio funziona lo stesso, può significare 2 cose:
1 - miracolo
2 - doppia circuiteria amplificatore; uno a valvole e uno a transistor nascosto e lavora sempre quest'ultimo.

I campioni audio che presenta nuit.dea sono un pò carenti dal punto di vista qualitativo.
Il vortice pare interferenza mentre gli altri due sembrano
- 1 i cori:
un nastro che hanno provato a magnetizzare per cancellare un brano corale che c'era ma che ancora un pò si sente
- 2 la voce:
sembra che l'apparecchio abbia funzionato un pò da radio ed abbia registrato una debole comunicazione tra radioamatori

Mi dispiace ma è ciò che ci sento io. Correggetemi se ho scritto o detto eresie.


Il mio parere da ibrido sulla metafonia è - ovviamente - duplice ma la percentuale non è equidivisa.

Il primo è che si tratti di un falso mai sottoposto a reali rigorosi controlli. Se i morti vogliono comunicare scrivessero documenti di testo sul nostro pc o ci chiamassero sul telefonino. E'tecnologia anche quella ed è di gran lunga più diffusa.

Il secondo parere è possibilista ma aspetto messaggi ben più intellegibili di questi (senza colpa nuit).
Quando ero ragazzo, andai da uno psicologo (aaaah ora capiamo tutto direte voi; ma no, non era per me) appassionato di metafonia. Una volta registrò dei messaggi così inquietanti che per paura smise.
Allora disse a me e al mio amico che i nastri li teneva il suo ex socio ma mi raccontò che uno dei tanti messaggi che avevano registrato insieme, era il seguente:
domanda: "esiste la reincarnazione?"
risposta: "cosa ne sarebbe delle preghiere che ci rivolgete?"
allora me ne sono andato.
Primo perchè 'sti spiriti maleducati non sanno che non si risponde con una domanda [SM=g8158]
Secondo perchè ero un reincarnazionista convinto e la risposta non mi piaceva (eeh la gioventù ribelle....)


Poi maturando - ma non è detto - il pensiero al riguardo e nei confronti dei metodi per contattare i defunti in generale, capii che non sempre il defunto ha una visione oggettiva del mondo in cui vive e che l'evoluzione dello spirito che si manifesta è legata all'evoluzione dello spirito di chi lo interroga.
-------

Esistono solo 10 tipi di persone: quelle che conoscono il codice binario e quelle che non lo conoscono.
OFFLINE
Post: 2.773
Registrato il: 12/12/2011
Età: 49
Sesso: Maschile
Elite
Utente Veteran
21/02/2013 21.02
 
Quota

Premetto che da sempre mi interesso (mi interessavo!) di metafonia,purtroppo non ho mai avuto risultati positivi,neppure usando buoni registratori con velocità comprese tra 4 e 10 cm. al secondo.Pur avendo letto molto su Jurgenson e avendo ascoltato i risultati degli esperimenti di Raudive anni addietro (su dischi 45 giri!! [SM=g27987] ),mi ha interessato molto anche Bacci.
Sono andato un po' a guardarmi quanto ha fatto,nel link www.ricercapsichica.it/articoli/bacci.htm c'è scritto che registrò le voci dall'aldilà addirittura tirando via le valvole dalla radio e persino spegnendola:
'''Dunque, dopo circa un’ora dall’inizio della manifestazione delle voci e nel mentre esse stavano esprimendosi il radiotecnico Franco Santi girò la radio sul bancale e rimosse quattro valvole; poi, dopo una piccola pausa per la difficoltà di toccare il vetro bollente delle valvole, rimosse anche la quinta ed ultima valvola.
Con questa operazione tutte cinque le valvole furono riposte sul bancale da Franco Santi, ben visibili, esternamente la radio. Nonostante la mancanza di queste valvole le voci continuarono ad esprimersi con la stessa intensità sonora e chiarezza di prima.
-
Gli eventi acustici rilevati dalla registrazione audio si possono così riassumere:

t=00 sec Bacci spegne radio.
Silenzio.
t=11 sec Si possono udire l’inizio di fischi modulati (sonorità simili a colpi di frusta) ed il segnale convenzionale ricorrente simile ad un vortice d’aria.
t=21 sec Si inizia ad udire una voce frammista a fischi.
t=44 sec La voce finisce ma si possono udire ancora fischi ed il vortice.
t=50 sec I fischi finiscono.
t=56 sec Il vortice finisce.
Silenzio
t=109 sec Si inizia a udire un nuovo vortice.
t=127 sec. Nello sfondo si può udire l’esclamazione di M. Festa “Siete grandi!”.
t=140 sec. Fine del vortice e fine del contatto.SILENZIO DEFINIIVO'''
[SM=g27993] [SM=g27994] [SM=g27995]

Ora,sono andato a vedermi le foto nel sito,Bacci utilizza un microfono piantato al centro dell'altoparlante e preleva da lì le voci degli spiriti.Dalle foto sono andato a rintracciare quale tipo di radio avesse nel suo laboratorio,riscontrando fosse una tedeschissima e vetusta Nordmende Fidelio 57.Ho ricercato lo schema elettrico e verificato un po' come funzionasse.Bacci nelle sue prove sfila via le valvole,contandone ben 5.Purtroppo nello schema elettrico le valvole risultano 6,per cui una NON è stata tirata via.E' rimasta lì dentro,forse celata da qualche paratia metallica o dal cilindro d'alluminio che generalmente si usa come schermo statico.Ha poi spento l'interruttore,e per ben 140 secondi le voci son continuate a fuoriuscire dall'altoparlante.
Innanzitutto l'alimentatore delle radio è formato da condensatori che immagazzinano alta tensione,ed è ottimizzato per tenere accese 6 valvole.Se ne svito 5 e spengo la 220 V. dall'interruttore,l'energia continua a fluire nei circuiti per parecchio tempo finchè non si scaricano i condensatori.La frequenza di sintonia non subisce invece modifiche e alterazioni: una volta che siamo,che so,sul canale di Radio Praga,lì rimaniamo,sia all'accensione che allo spegnimento dell'apparecchio.
Per cui le voci sono proseguite per 140 secondi,che è solitamente il tempo medio affinchè i condensatori si scarichino e l'unica valvola presente si raffreddi totalmente perdendo così la capacità di condurre elettroni.
Per cui,Marcello Bacci non mi ha pienamente convinto e non ho elementi sufficienti per dichiarare che quelle sue prove fossero una frode,perchè sebbene la radio Nordmende sia stata ispezionata durante i test nessuno si è accorto vi fosse la 6° valvola all'interno,che guardacaso è un tubo EM34 e ha 8 piedini saldati sulla scheda elettronica.E questa prosegue a funzionare e produrre suoni e fruscii audio,essendo interposta tra l'altoparlante e la sezione di filtro d'antenna.
Per cui......Marcellì,stacca il valvolozzo del magic eye e vediamo se il microfono preleva qualche suono !! [SM=g8298]




----------------------------------------------
I'm a man with a mission.
A boy with a gun.
I got a picture in my pocket of the lucky one.
----------------------------------------------

22/02/2013 11.30
 
Quota

Ohhhhhh finalmente si viene a sapere che potrebbe esserci una magagna sotto.
Per quanto riguarda le voci per altro molto nitide (su youtube si trovano facilmente)
non parlano mai chiaramente ma si evincono discorsi di stampo filosofico e incredibile a volte anche scientifico. Viene spontaneo chiedersi allora se fosse tutto falso quale potrebbe essere stata la motivazione per cui Bacci avrebbe sollevato tutto questo polverone ? Soldi non ne ha mai presi........
Creare una sorta di setta alla Scientology?
Non mi pare........
Mistero..
OFFLINE
Post: 722
Registrato il: 06/06/2011
Sesso: Maschile
Utente Senior
22/02/2013 17.30
 
Quota

Ciao nuit.dea

Ho seguito una filosofia qualche tempo fa che parlava di messaggi di pace e d'amore, di contatti con defunti e anche di scienza a volte.

Da un indagine (postuma) del CICAP, è risultato che alcuni dei testimoni ancora in vita non fossero in buonafede e che molti "miracoli" erano potenzialmente giochi di prestigio.

Perchè l'hanno fatto?

Non lo so. Hanno venduto parecchi libri comunque.

Magari c'è solo la voglia di far credere la gente ad una cosa alla quale tu credi ma non ne hai le prove per dimostrare che sia vera.

Io comunque l'ho contattato in maniera "sottile" diciamo, consigliandolo di eseguire qualche comunicazione sotto controllo vero.

Se non mi risponde lo contatterò più direttamente.
[Modificato da Hybrid1973 22/02/2013 17.31]
-------

Esistono solo 10 tipi di persone: quelle che conoscono il codice binario e quelle che non lo conoscono.
22/02/2013 17.50
 
Quota

Re:
Hybrid1973, 22/02/2013 17:30:

Ciao nuit.dea

Ho seguito una filosofia qualche tempo fa che parlava di messaggi di pace e d'amore, di contatti con defunti e anche di scienza a volte.

Da un indagine (postuma) del CICAP, è risultato che alcuni dei testimoni ancora in vita non fossero in buonafede e che molti "miracoli" erano potenzialmente giochi di prestigio.

Perchè l'hanno fatto?

Non lo so. Hanno venduto parecchi libri comunque.

Magari c'è solo la voglia di far credere la gente ad una cosa alla quale tu credi ma non ne hai le prove per dimostrare che sia vera.

Io comunque l'ho contattato in maniera "sottile" diciamo, consigliandolo di eseguire qualche comunicazione sotto controllo vero.

Se non mi risponde lo contatterò più direttamente.




Hai contattato Bacci?????


OFFLINE
Post: 2.773
Registrato il: 12/12/2011
Età: 49
Sesso: Maschile
Elite
Utente Veteran
25/02/2013 21.20
 
Quota

Volevo solo segnalare,a chi capitasse a leggere qui per caso,magari navigando su google, di non utilizzare il canale di Facebook per fare richieste a Marcello Bacci in quanto lo sperimentatore non è lì presente,ma è solo un gruppo aperto da qualche fan: www.facebook.com/pages/Marcello-Bacci-Ricercatore-fenomeni-paranormali/3788...
per cui è bene che quanti abbiano perso uno dei loro cari o siano alla ricerca di fonti reali non si affidi ai social network ed alla metafonia,che è appunto 'sperimentale' e non 'risolutiva' della continuità del post-mortem. [SM=g8278]
----------------------------------------------
I'm a man with a mission.
A boy with a gun.
I got a picture in my pocket of the lucky one.
----------------------------------------------

25/02/2013 21.59
 
Quota

Re:
OggettoVolanteIdentificato, 25/02/2013 21:20:

Volevo solo segnalare,a chi capitasse a leggere qui per caso,magari navigando su google, di non utilizzare il canale di Facebook per fare richieste a Marcello Bacci in quanto lo sperimentatore non è lì presente,ma è solo un gruppo aperto da qualche fan: www.facebook.com/pages/Marcello-Bacci-Ricercatore-fenomeni-paranormali/3788...
per cui è bene che quanti abbiano perso uno dei loro cari o siano alla ricerca di fonti reali non si affidi ai social network ed alla metafonia,che è appunto 'sperimentale' e non 'risolutiva' della continuità del post-mortem. [SM=g8278]




Quoto O.V.I.
Il gruppo creato su Fb non è gestito da Marcello Bacci . Tempo fa segnalai la pagina nella speranza potessero chiuderla. La segnalai dopo aver letto persone che chiedevano aiuto a Bacci senza però avere risposte. Non si gioca con il dolore della gente!
Sul discorso metafonia invece dico. Posso capire chi ne fa uso a seguito di un lutto.
Ma attenzione ai truffatori e a chi chiede denaro come compenso.


[Modificato da Nuit.Dea 25/02/2013 22.00]
OFFLINE
Post: 722
Registrato il: 06/06/2011
Sesso: Maschile
Utente Senior
26/02/2013 00.34
 
Quota

A me non ha risposto ancora. Ma non l'ho contattato via facebook perchè io fb non ce l'ho e NON CE L'AVRO' MAI.
Magari non ho trovato l'indirizzo giusto...

'mo provo a chiedere a un mio caro defunto se glie lo fa sapere per radio. Più diretto di così...
magari dj granny yo-yo!!
[Modificato da Hybrid1973 26/02/2013 00.35]
-------

Esistono solo 10 tipi di persone: quelle che conoscono il codice binario e quelle che non lo conoscono.
26/02/2013 10.05
 
Quota

Re:
Hybrid1973, 26/02/2013 00:34:

A me non ha risposto ancora. Ma non l'ho contattato via facebook perchè io fb non ce l'ho e NON CE L'AVRO' MAI.
Magari non ho trovato l'indirizzo giusto...

'mo provo a chiedere a un mio caro defunto se glie lo fa sapere per radio. Più diretto di così...
magari dj granny yo-yo!!




E dai che tonto che sei [SM=g27986]

Guarda che Bacci è molto anziano.
Per parlare con lui bisognerebbe andare di persona.
Ma ho dei seri dubbi voglia rilasciare......interviste.

OFFLINE
Post: 3.175
Registrato il: 16/05/2011
Sesso: Maschile
Admin Ufologando
Utente Gold
26/02/2013 16.40
 
Quota

Ci sono persone che con la metafonia si sono rovinate la vita, nella speranza di avere un contatto con un defunto del quale non hanno mai accettato la morte.

Un modo come un altro per entrare nel lugubre mondo del channeling. [SM=g8245]






---------------------- Amministratore del forum UFOLOGANDO ----------------------

Mi piace dare una mia visione dell'Ufologia a 300 gradi, 60 gradi li tengo per me.
Perdona i nemici, ma non dimenticare mai i loro nomi. (John Fitzgerald Kennedy)
26/02/2013 23.32
 
Quota

Re:
biancofive, 26/02/2013 16:40:

Ci sono persone che con la metafonia si sono rovinate la vita, nella speranza di avere un contatto con un defunto del quale non hanno mai accettato la morte.

Un modo come un altro per entrare nel lugubre mondo del channeling. [SM=g8245]




Bianco la gente si rovina con tante cose oggi. C'è chi ha il vizio del gioco etc etc.
Non mi sento di giudicare chi non accettando la morte di una persona sente di rivolgersi a questa pratica.
Come già specificavo nel precedente mio commento mi sento solo di consigliare a codeste persone di usare quel tanto di lucidità che li aiuti a tulelarsi da persone che sfruttano il dolore di queste persone per meri scopi personali o per un ritorno economico.
Vorrei altresì specificare che Bacci secondo le sue teorie era lui stesso il conduttore tra la radio e le presunte anime. Dico presunte perché allo stato odierno non c'è stata ancora la possibilità di negare né di verificare gli esperimenti da una più ampia cerchia di ricercatori.
09/09/2014 11.31
 
Quota

Metafonia : una logica carezza sul fenomeno psicofonico
Accostarsi a questo fenomeno non è un dovuto ma una scelta dettata dalla volontà di approfondire una realtà che trova spazio principalmente negli ambienti del paranormale ma che ha destato l'attenzione anche di persone illustri che poco hanno a vedere con l'extrasensoriale.
Tutto sommato quando ci accostiamo all'astronomia e all'ufologia Polvere di Stelle lo fa nel rispetto della realtà oggettiva dei fatti, provando a toccare con mano ove possibile e in mancanza di tale possibilità affidandosi ad esperti del settore. Questa volta pur adottando un metodo simile tentiamo di “sfiorare” l'argomento in quanto consci che i lettori attenti a questo argomento vengono per la maggiore da esperienze che richiedono rispetto assoluto : la perdita di un familiare, un amico è un evento traumatico cui l'essere umano non è in realtà mai preparato ; il vuoto è tutto ciò che rimane e molte volte il ricordo non è sufficiente per riempire quegli spazi che possono diventare molte volte veri e propri abissi in cui perdersi. Occorre in tal senso accostarsi in maniera quasi impercettibile, consci che probabilmente non verremo ascoltati o letti, tuttavia lo faremo poiché certi di “tenere in borsa” oltre a un minimo di conoscenza, anche e sopratutto etica personale che non ci permetta di scadere ( come spesso accade) nella prepotenza conoscitiva.

Per anni ho vissuto nel dubbio dopo aver ascoltato personalmente una traccia audio nel lontano 1996 fornita da “Zio Aldo” e “ Zia Teresa” che conteneva a loro parere dei files audio appartenenti alla loro figlia e mia cara amica Maddalena, morta a diciassettenne anni in un incidente automobilistico dopo tre settimane di agonia in ospedale. L'amicizia con Maddalena era nata in tenera età, in quanto cugina della mia migliore amica dei tempi di scuola. Parliamo dell'asilo, poi le elementari e medie. Ci eravamo un po' perse di vista agli inizi del liceo ma abitando in zona non era difficile incontrarsi in quel di Porta Portese dato che entrambe abitavamo nella stessa via a qualche portone di distanza. La notizia della sua morte fu chiaramente devastante e quell'episodio causò in me un cambiamento radicale dei modi di pensare e vedere la vita : tristezza, apatia e forte senso di disagio. Ricordo molto bene quelle sensazioni e oggi a distanza di anni il rispetto per quel dolore è dovuto, accarezzare questo argomento necessario.
Aldo e Teresa furono ospiti della trasmissione “Misteri” trasmessa sulla Rai dedicata alla psicofonia.




In quell'occasione Zio Aldo e Teresa ebbero modo di mostrare dei nastri da lui stesso registrati nella abitazione di Trastevere in cui si potevano udire delle tracce audio a suo parere relative alla voce di Maddalena e se non ricordo male anche alla nonna. Si trattava di tracce brevi il cui linguaggio non era facilmente comprensibile ma in alcuni istanti quei rumori sono diventati “timbri : così la mia mente mi traeva in inganno. Ma come? Quegli istanti sembravano essersi impressi nella mente e a lungo vi avrebbero dimorato in forma latente fino al giorno in cui spinta da curiosità decisi di approcciarmi alla psicofonia.
Ciò che trovai in rete erano siti dedicati al fenomeno creati da esperti del settore in cui le testimonianze dirette si presentavano sempre realistiche e spesso accompagnate da messaggi significativi, i quali tendevano alla spiegazione disincarnata delle entità fautrici degli stessi.
In molti casi negli stessi siti venivano riportate centinaia di tracce audio con relativa spiegazione della frase “ udita” dall'esperto. In questo caso con tutta onestà la maggior parte delle “voci” non era comprensibile,dico questo perché le uniche frasi ascoltate comprensibili erano quelle presenti sui siti dedicati al famoso Marcello Bacci. Di questo parleremo più tardi però.
Un caro amico, il valido Alessandro Novelli di Italian Research mi consigliò la lettura del volume scritto dal membro del CICAP Marco Morocutti, "Voci dall'Aldilà - indagine sulla psicofonia" e lui stesso avendo a disposizione il libro si offrì gentilmente di darmelo din prestito.
Il libro scritto in maniera ineccepibile affrontava il fenomeno della psicofonia in maniera scettica, tentando di fornire una o più spiegazioni plausibili non solo al fenomeno in sé ma alla costante di coincidenze “significative “. Esiste all'interno del libro un capitolo interamente dedicato alle esperienze dirette e sul campo e in tal senso Morocutti dedica molte righe ( per me fatto già di per sé incredibile) all'esperienza di “zio Aldo” e Maddalena, la cara amica cui parlavo qualche rigo fa.
Non ero a conoscenza dell'incontro tra Morocutti e i genitori di Madda per cui leggere l'esperienza riportata per esteso dall'autore è stato per me significativo a tal punto che la visione offuscata del fenomeno che avevo avuto per anni trovò finalmente una spiegazione e un punto fermo.
Per quanto mi riguarda la ricerca partiva da questa esperienza personale muovendosi poi su binari che non potevano non portare alla realtà oggettiva, certamente non più soggettiva, delle cose.
L'indagine di Morocutti sul caso di Maddalena Matano è presente anche sul sito del CICAP ed è possibile visionarla su https://www.cicap.org/new/stampa.php?id=100843



QUANDO

La Metafonia nasce con Raudive Konstantin, definito pioniere del fenomeno, il quale, dopo l'esperienza del “canto degli uccelli” impresso su nastro nel lontano 1959 e descritto poi da Friedrich Jurgenson (1903 – 1987) nel volume “ I dialoghi con l'aldilà” (in cui l'autore spiega l'esperienza di Raudive come interferenza da parte di una stazione radio anche se percepisce il dubbio derivato dall'interposizione poco casuale fra la registrazione voluta di un fringuello e una trasmissione radio che tratta di uccelli), definisce la Metafonia come esplicazione di voci quale energia vitale dell'intelligenza progressiva . Questo fenomeno fu ripreso poi anche dall'Ing. Carlo Trajna , il più tecnico fra gli autori italiani, il quale dopo aver analizzato migliaia di voci avanzava ipotesi sul procedimento di impressione delle voci su nastro magnetico sfruttando termini quali “produzione localizzata di campi elettromagnetici variabili a frequenta sonica “ oppure “ modificazione localizzata e significativa, mediante azioni fisiche, della velocità di propagazione delle onde elettromagnetiche “ o ancora “ trasposizione , del tempo udibile, di campi elettromagnetici di frequenza non acustica, in condizioni di invarianza energetica”.

METODI PRINCIPALI

Molti sono i sistemi per ottenere le voci ma tra i metodi principali troviamo :
RADIO quindi onde radio + trasmettirore + ricevitore
REGISTRATORE DOTATO DI MICROFONO quindi fissare su nastro magnetico ciò che il microfono sente
PSICOFONIA SU RADIO

La scelta dell'apparecchio può ricadere su un ricevitore moderno oppure uno di costruzione meno recente, a Valvole o a Transistor.


Radio a Valvole


[IMG]http://i61.tinypic.com/vi0i1d.jpg[/IMG]

Radio a Transistor

[IMG]http://i59.tinypic.com/21osyhk.jpg[/IMG]

Solitamente gli sperimentatori prediligono apparecchi di fattura più antica meglio se funzionanti a valvole e non ricevitori professionali impiegati dai Radioamatori.
Scegliendo una gamma di frequenza da ascoltare (OM-OC o gamma delle trasmissioni in FM fa 87,5 a 108 Megahertz ) dall'altoparlante si possono udire parole e suoni. Contrariamente se si sintonizza su una frequenza in cui non trasmette nessuno si udirà solo rumore indistinto.
Ruotare la manopola di sintonia lentamente fermandosi finché non si riconosce la giusta sonorità.
Si può impiegare in contemporanea un registratore per conservare su nastro le domande eventuali formulate e le risposte provenienti dall'apparecchio ricevente.

PSICOFONIA SU REGISTRATORE

Gli sperimentatori si dotarsi di un normale registratore a cassette (il più utilizzato) o a bobine.

[IMG]http://i62.tinypic.com/2u7n1mp.jpg[/IMG]


Fondamentale è la scelta del luogo quindi prediligono una stanza tranquilla. A questo punto pongono in funzione l'apparecchio rimanendo in silenzio o ponendo domande lasciando pause tra un quesito e l'altro. Addirittura alcuni sperimentatori preferiscono provocare suoni o rumori ( sfregamento di fiammifero su scatola, rumore acqua che scorre, fruscìo foglio di carta) immaginando che le “entità” vi possano aggiungere loro messaggi.
Si arresta la registrazione, riavvolgendo poi il nastro e si passa all'ascolto.

Il microfono registra solo suoni captati dal suo microfono interno incorporato negli apparecchi che sono facili da usare ma hanno una qualità molto bassa. Per questo per esperimenti di questo tipo
sarebbe sempre consigliabile l'utilizzo di un microfono esterno.

Inoltre e qui ribadisco che gli sperimentatori difficilemente utilizzano attrezzature audio professionali per i contatti con l'Aldilà. Nessun teccnico del suono professionista afferma di registrare voci dei defunti.

Esiste un procedimento diverso da quello descritto in precedenza, poco usato in ambito metafonico : il nastro montato al contrario.
Lo sperimentatore chiede a una persona di registrare alcune frasi su una comune audiocassetta parlando con voce normale. Terminata la registrazione lo sperimentatore apre l'involucro che rachiude il nastro magnetico e scambia la parte interna con quella esterna così che il nastro, una volta inserita la cassetta nuovamente nel registratore, scorra al contrario rispetto al verso in cui è stata registrata.
In questi casi i presunti suoni udibili saranno suoni senza significato e l'ascolto richiede più fasi.
Ne sa qualcosa la Sig.ra Gabriella Alvisi, conosciuta in ambiente psicofonico che utilizzava tale
sistema di registrazione in cui l'ascolto ripetuto più e più volte si rende necessario ai fini interpretativi delle voci udibili.
A questo punto occorre fermarsi un attimo e specificare che la Metafonia generalmente gode di due differenti situazioni :

INTERPRETAZIONE DELLE VOCI La situazione più comune in ambito psicofonico per cui lo sperimentatore non riesce a riconoscere,durante il primo ascolto puro e semplice dei nastri, alcun messaggio che abbia senso compiuto. Questo fattore rende necessaria quindi l'interpretazione da parte dell'ascoltatore.
Esempio : VOCI


EVIDENZA DELLE FRASI
Le voci sono perfettamente udibili e comprensibili dall'ascoltatore e godono inoltre di senso compiuto nonostante un'evidente distorsione, tremolio che rendono le voci innaturali. Esperienze di questo tipo appartengono al Gruppo Sperimentatori di Grosseto facente capo a Marcello Bacci molto noto in nell'ambiente metafonico.
Esempio in video :




leggi i dialoghi in formato PDF

IL CENTRO PSICOFONICO DI GROSSETO

Fondato da Marcello Bacci e Luciano Capitani .
Bacci,tecnico radiofonico di provata esperienza, si approcciò alla Parapsicologia già nel 1949 approfondendo la psicofonia nel 1965 fino al 1980.

[IMG]http://i62.tinypic.com/ngwpyq.jpg[/IMG]

Il Gruppo è conosciuto a livello mondiale metafonico per l'uso progressivo e notevole dei mezzi tecnici applicati alle sedute, sedute o se vogliamo chiamarli esperimenti a cui hanno partecipato nel tempo personalità quali il Radiotecnico Enrico Bernazzani, Carlo Trajna, Ingegnere e studioso di Psicofonia, Paolo Presi sperimentatore Udinese di Psicofonia, F. Jurgenson che nel 1982 prese parte a una seduta con Marcello Bacci.

Lo stesso autore del libro Marco Morocutti si dichiarò interessato alle sedute organizzate da Marcello Bacci e tramite l'autrice e divulgatrice sui temi della Psicofonia chiese a B. di poter assistere di persona a uno degli incontri tenuti dal Centro aggiungendo che non aveva intenzione di toccare le apparecchiature. Per tutta risposta il Bacci, si immagina a causa della posizione di Morocutti all'interno del CICAP ( Comitato di controllo sulle affermazioni paranormali), rispose con un lapidario “ Spiacente, ma data la sua posizione non se ne parla nemmeno”.Occorre precisare che questa sperimentazione seguì una serie di indagini che videro la partecipazione di personalità quali Carlo Trajna e Mario Salvatore Festa,docente di Fisica e di Radio Protezione Fisica presso l'Università di Napoli e dal radiotecnico Franco Santi.

Il Centro di Grosseto opera principalmente con Radio a Onde Corte tra i 6 e i 7 MHZ con preferenza verso i 7,2. La particolarità di Marcello Bacci si esplica nelle VDR ( voci dirette alla radio), voci ottenute direttamente dall'apparecchio radio, una vecchia radio a valvole, sintonizzata su di un fruscio bianco nelle onde corte, piuttosto con una radio a transistor.
Questa sua sperimentazione iniziò nel 1973,dopo una prima fase di Psicofonia sperimentata attraverso il registratore.
Da citare assolutamente la sperimentazione con Marcello Bacci tenutasi aGrosseto il 5 Dicembre 2004 alla presenza di un gruppo di qualificati ricercatori italiani ed altri provenienti dal Portogallo e dall'Inghilterra.
Occorre precisare che la sopracitata sperimentazione seguì una serie di indagini che videro la partecipazione di personalità quali Carlo Trajna e Mario Salvatore Festa,docente di Fisica e di Radio Protezione Fisica presso l'Università di Napoli e dal radiotecnico Franco Santi.
Un 'indagine fu fatta alla presenza del dr. ing. Carlo Trajna nella quale una seconda radio fu posta accanto a quella del Bacci, alimentata dalla stessa presa di corrente ed utilizzante la propria antenna individuale, fu sintonizzata nelle onde corte sulla stessa frequenza della radio del Bacci. Mentre quest’ultima riceveva comunicazioni da parte di una voce anomala, dalla seconda radio usciva solamente il normale fruscio bianco (Trajna, 1985). Questo esperimento elimina la possibilità di voci anomale prodotte fraudolentemente.

Un secondo ed ugualmente significativo esperimento fu quello eseguito dal prof. Mario Salvatore Festa, docente di Fisica e di Radio Protezione Fisica presso l’Università di Napoli, e dal radiotecnico Franco Santi. Tale esperimento consistette nella rimozione dalla radio del Bacci, durante la ricezione di voci anomale, di due valvole, la ECC85 (rivelatrice FM) e la ECH81 (convertitrice AM/SW), rilevando che anche senza queste valvole (in assenza delle quali non si può ricevere le normali stazioni radio delle onde corte) le voci hanno continuato a parlare senza alcuna interruzione.
Durante quest’esperimento il prof. Festa aveva pure misurato l’intensità sia del campo elettrico sia di quello magnetico nei pressi della radio, nelle condizioni di radio spenta e di radio accesa, sia durante le normali trasmissioni radiofoniche sia durante la manifestazione della voce.
Dai rilievi fatti i parametri relativi ai due campi non rivelarono variazioni significative né all’inizio del fenomeno né dopo la rimozione delle valvole mentre la voce continuò ad esprimersi. I rilievi indicarono inoltre che i valori misurati erano in pratica uguali a quelli rilevati con la radio spenta.

LE ONDE CORTE E I RADIOAMATORI

Molte sono le stazioni radio che utilizzano le Onde Corte. I Radioamatori per fare un esempio lo sanno molto bene : ore e ore in contatto con corrispondenti lontani, tanto è che questi appassionati conoscono il mondo della radio come le loro tasche. La Gamma delle Onde Corte riguarda le frequenze tra i 3 e i 30 Megahertz. A livello pratico avendo di fronte una radio a O.C. E girando la manopola di sintonia si scoprono un numero enorme di emittenti che trasmettono da tutto il mondo . Prima dei Satelliti Artificiali , le Onde Corte hanno costituito l'unico canale praticabile per inviare trasmissioni a grande distanza.
Vediamo insieme quali servizi si possono ascoltare su queste frequenze :

Radiofonia Internazionale
Radioamatori
Telegrafia e Telescriventi
Segnali di Tempo Campione
Immagini in formato Fax
Suoni Insoliti o Interferenze


Particolare attenzione merita la piazza dei Radioamatori, un mondo oserei definire di appassionati
che hanno scelto di comunicare grazie alle Onde Corte in diverse lingue e usando termini in un codice e gergo particolari. Da sottolineare il modus di trasmissione che impiega la tecnica della Modulazione SSB ( Single Side Band / Banda Laterale/Unica) per una migliore efficienza nei collegamenti fra stazioni lontane e per un miglior sfruttamento del sistema radio.
In pratica il circuito SSB fa sì che la voce risulti naturale,non alterata ma sopratutto le parole comprensibili.

SPIEGAZIONE RAZIONALE DELLA METAFONIA

La Metafonia in migliaia e migliaia di file audio ha donato suoni, rumori, frasi più o meno comprensibili ma sopratutto ha regalato speranze e sollievo ad anime che non si davano per perse e riconoscevano nelle voci una matrice soprannaturale, spirituale o religiosa.
Spiegare logicamente il dolore è come tentare di spiegare un altro nobile sentimento : l'amore.
Entrare in questi spazi così intimi può sembrare quasi una violenza. Non è questo lo scopo. Non è questo. Eppure capita di sentire di persone circuite da maghi e santoni, personaggi senza scrupoli che regalano brevi e incostintenti attimi di pace ad animi perennemente in tempesta.
Che nessuno tocchi i nostri cari defunti! Non per soldi né per mancanza di etica.
Provo quindi a pensare alle registrazioni psicofoniche come per esempio a semplici voci di radioamatori ricevute in maniera errata poiché non stati impiegati da parte dello sperimentatore gli strumenti adatti.

Provo a immaginare a quella che i radioamatori dilettanti chiamano Interferenza Splatter o in gergo “ Sblatero” che avviene quando una radio ricevente viene investita da un segnale molto forte che irrompe violentemente nei circuiti e finisce per essere ascoltato anche se appartiene a una frequenza diversa da quella su cui la radio è sintonizzata : il suono sarà distorto e incomprensibile ma comunque abbastanza forte da sovrapporsi alle normali trasmissioni. Questo può capitare per esempio quando nei paraggi ( del luogo di sperimentazione metafonica) si trova un radioamatore che impiega una radiotrasmittente di elevata potenza che magari,come capita tra i radiomatori,sfrutta un linguaggio particolare usando nomi di fantasia (nominativi).

Provo a pensare alla Navigazione Marittima e alle navi che usano la SSB (vedi il capitolo delle Onde Corte e i Radiomatori) e le frasi che la Alvisi e altri hanno molte volte ascoltato in cui si parlava di una nave.

Penso agli strani suoni uditi durante le sedute tenute dal centro Psicofonia di Grosseto su Onde Corte, suoni che somigliano al verso del grillo “ Cri-Cri” ( effetto grillo) spiegati dagli sperimentatori metafonici come preavvisi del paranormale e penso all'effetto del procedimento utilizzato per inviare immagini via radio dai servizi meteorologici per distribuire le carte del tempo destinate alle Capitanerie di Porto e alla navi in navigazione : proprio come in un telefax l'immagine viene suddivisa in righe orizzontali, trasmesse una dopo l'altra ; il segnale assume una cadenza intermittente e ripetitiva perché ogni riga viene trasformata in un breve suono. Inoltre parliamo di segnali che provengono da lontano per cui la ricezione è chiaramente disturbata da un caratteristico effetto di evanescenza ( vai e vieni).

Penso alle Radio a Valvole talvolta di provenienza militare le cui prestazioni non sono eccellenti.

Penso alle registrazioni su nastro tramite Registratori il cui microfono invia al registratore tutti i suoni presenti nell'ambiente e che possono essere oggetto di cattiva interpretazione e che danno vita a quelle che vengono definite illusioni acustiche.

Penso all'esperimento del 2004 in cui Bacci tolse tutte le valvole dalla Radio a Onde Corte e le voci continuarono per qualche minuto a parlare. Sappiamo che esiste una valvola chiamata EM34 o
"occhio magico”, la cui placca è alimentata direttamente, ma la griglia prende il valore dall'uscita della MF ( media – frequenza ), pertanto non si sente nulla perché manca la valvola finale audio, la valvola rivelatrice e tutto il resto. Tuttavia l'assenza di una valvola raddrizzatrice e le “capacità parassite”, permettono una rilevazione minima, in presenza di segnali superiori al microvolt. Le capacità parassite, sui ricevitori, consentono anche la ricezione DSB, ovviamente distorta dalla mancanza del rivelatore a prodotto, che dà l'idea di sentire “voci strane”.

Si ipotizza una sorta di manipolazione durante alcune sedute che sfrutti l'intromissione di voci nella gamma di frequenze FM tramite un piccolo trasmettitore, un radiomicrofono concepito per effettuare esperimenti nel campo della trasmissione radio e per comunicare a breve distanza. Nei negozi spystore non è difficile trovare trasmettitori già pronti all'uso. Sarebbe sufficiente la presenza di un tecnico esperto per capire se non vi sia qualcuno nelle vicinanze che stia usando un radiomicrofono tramite un misuratore di campo che rileva la presenza di trasmettitori nelle vicinanze.

Qualunque sia la soluzione sta di fatto che buttarsi alla cieca non conviene mai e per quanto si stia parlando di un ambito particolare per ambiente e circostanza non ci si dovrebbe mai discostare troppo dalla seguente affermazione “Ad affermazioni straordinarie devono corrispondere prove altrettanto straordinarie"

Fonte
[Modificato da Francesca.Abate 09/09/2014 11.32]
OFFLINE
Post: 722
Registrato il: 06/06/2011
Sesso: Maschile
Utente Senior
10/09/2014 00.03
 
Quota

Purtroppo per me alla fine è tutto riconducibile a mistificazione o sopravvalutazione di ciò che si riesce a udire.
C'era un mio amico che ascoltando la frase finale di una canzone che diceva "oh my love, live again" lui sentiva "oh my love, never dye" ed era convinto.

Io sfido chiunque a sentire in quelle voci, le parole che il fenomeno di turno trascrive nei sottotitoli.

Mia zia perse un figlio giovanissimo.
Non si dava pace; come biasimarla?????

incontrò una donna che si offrì gratuitamente di farla comunicare col figlio morto attraverso la scrittura automatica.

Andò avanti per anni e mia zia si consolò molto.
Poi quella donna crollò e confessò che stava mentendo.

Credete in dio o nel culto dei morti? Bene; essi sono là.
Non ci credete? Bene, tanto scompariremo tutti prima o poi.
-------

Esistono solo 10 tipi di persone: quelle che conoscono il codice binario e quelle che non lo conoscono.
10/09/2014 00.09
 
Quota

Re:
Hybrid1973, 10/09/2014 00:03:

Purtroppo per me alla fine è tutto riconducibile a mistificazione o sopravvalutazione di ciò che si riesce a udire.
C'era un mio amico che ascoltando la frase finale di una canzone che diceva "oh my love, live again" lui sentiva "oh my love, never dye" ed era convinto.




Pareidolia acustica..


OFFLINE
Post: 722
Registrato il: 06/06/2011
Sesso: Maschile
Utente Senior
10/09/2014 00.36
 
Quota

Se avessi ragione io, sarebbe più corretto dire "paraculia acustica"!
-------

Esistono solo 10 tipi di persone: quelle che conoscono il codice binario e quelle che non lo conoscono.
10/09/2014 00.41
 
Quota

Re:
Hybrid1973, 10/09/2014 00:03:



Credete in dio o nel culto dei morti? Bene; essi sono là.
Non ci credete? Bene, tanto scompariremo tutti prima o poi.




Nessuno deve convincere nessuno ma trovo giusto approfondire chiaramente con la dovuta accortezza visto l'ambito delicato e che merita comunque rispetto. Non è stato facile neanche per me figurati visto che mi sento coinvolta in prima persona nel caso delle voci di Maddalena Matano (mia amica),portate nella trasmissione Misteri dal papà, caso successivamente approfondito da Marco Morocutti e descritto nel suo libro "Voci dall'aldilà, una indagine sulla Psicofonia".
Pareidolia acustica, dimostrata nel caso di "zio Aldo" il quale nonostante il dolore ha offerto la sua esperienza allo stesso Morocutti invitandolo a casa sua dimostrando disponibilità per un esperimento sul campo.
Tralasciando per un attimo la registrazione su nastro magnetico colui che ha suscitato interesse vivo è stato Marcello Bacci che con il gruppo metafonico di Grosseto ha regalato centinaia di registrazioni audio di una limpidezza tale che lo stesso Morocutti ha espresso il desiderio di partecipare a una delle famose sedute. Bacci purtroppo non aveva a suo avviso nulla da dimostrare e la risposta negativa ha portato a una totale assenza di prove.
[Modificato da Francesca.Abate 10/09/2014 00.43]
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi
Questo forum non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro). L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.



Eman Engine Stats Directory www.Siti-Web-Bologna.it

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 07.02. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com