RICHIEDI L'ISCRIZIONE AL FORUM PER POTER PARTECIPARE ED ACCEDERE A TUTTE LE DISCUSSIONI
CLICCA QUI PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE !!
 
Previous page | 1 2 3 4 | Next page

Il caso di Pierfortunato Zanfretta

Last Update: 6/20/2014 6:53 PM
Author
Vote | Print | Email Notification    
8/15/2012 10:19 AM
 
Quote

E ZANFRETTA DISSE: NEGATIVO PER QUESTA DOMANDA, TIXEL"
ESAME CRITICO AL CASO ZANFRETTA

Articolo di Stefano Panizza
Fonte: falsimisteri.myblog.it/archive/2012/07/24/e-zanfretta-disse-negativo-per-questa-domanda-ti...

“Negativo per questa domanda, tixel”.
Fu la risposta che, in modo quasi ossessivo, dette Zanfretta nel corso della sua ultima ultima ipnosi regressiva. In pratica, l’entità che lo avrebbe posseduto, non volle rivelare i propri segreti ad un ipnotista …. troppo curioso.
La storia di Zanfretta è fin troppo nota per doverla ricordare nelle sue infinite sfaccettature. Limitiamoci a qualche cenno essenziale.
Ricordo che tutte le frasi virgolettate, se non diversamente indicato o palesemente estraneo, sono tratte dal libro di Rino Di Stefano citato in bibliografia. Si tratta dell'unico libro dedicato interamente alla vicenda (trattasi della prima di varie edizioni). Visto che il giornalista seguì in via esclusiva le sue varie vicissitudini, deve essere considerato un punto di riferimento imprescindibile per la cronaca degli avvenimenti. Ma, in quanto "cronaca", appunto, non può ritenersi esaustivo sull'argomento, ma solo un indispensabile punto di partenza.
A completamento della ricerca, mi sono recato personalmente in alcuni dei "luoghi zanfrettiani". Il viaggio è veramente impegnativo, con una serie interminabile di tornanti e saliscendi da affrontare.
Lo scopo era finalizzato sia a comprendere meglio alcune dinamiche ambientali, sia per "tastare il polso" alle persone del posto (che sono di una gentilezza straordinaria). E le considerazioni più significative che ne sono scaturite usciranno di volta in volta nel trattare i diversi aspetti della vicenda.



In sintesi, la guardia giurata Piero Fortunato Zanfretta, dipendente dell'Istituto di vigilanza privata “Val Bisagno”, venne ritrovata in stato di choc nella notte tra mercoledì 6 e giovedì 7 dicembre 1978 nei pressi della villa «Casa Nostra» di Marzano di Torriglia, un piccolo centro dell’appennino genovese.
Questa casa, almeno ora, non è affatto isolata come si legge in giro, è solamente l'ultima che si incontra all'uscita del paese. Per raggiungerla, è, infatti, necessario attraversare il piccolo centro, passando per una stretta volta murata.
Poi, tramite un'angusta stradina che tende a salire, la si ritrova alla propria sinistra.





Poi, il paese finisce, e la strada si avvia verso la montagna.Zanfretta raccontò “ … di un essere mostruoso, spaventoso e molto alto … che non poteva essere meno di tre metri … “.
Era posizionato, avendo la casa di fronte, nell'angolo in alto a sinistra, cioè quello sud.



Una signora di Marzano mi ha spiegato che, in quei giorni, anche un'altra persona affermò di aver visto una specie di uomo gigantesco, ma di averlo confessato solo successivamente per paura del ridicolo.
Nel disegno che segue quanto avrebbe visto Zanfretta.



Costui, per fare chiarezza, chiese ed ottenne di essere sottoposto ad ipnosi regressiva, prima da parte del dottor Mario Moretti, poi anche da altri.
Si fece anche iniettare il cosiddetto “siero della verità”.
Venne, così, fuori che l'uomo avrebbe avuto vari “incontri ravvicinati” con presunti esseri alieni. E le varie sedute fornirono nel tempo dettagli sempre più impressionanti di questi episodi. Zanfretta descrisse gli alieni come esseri di pelle grigia e increspata, con grandi punte sulla testa e occhi triangolari gialli.

Proverrebbero, a suo dire, dalla terza galassia e si chiamerebbero Dargos.
Nel 1981 l’ultimo, presunto, rapimento.
In che termini, allora, si può definire il caso Zanfretta, prendendo la storia nella sua parte più genuina, e cioè quella di fine anni Settanta, inizio Ottanta? Analizzare il resto, infatti, fra scatole aliene e raggi verdi che gli farebbero da promemoria, sarebbe, sinceramente, imbarazzante.
Ad ogni modo, alcuni anni or sono, andai a visitare quello che mi venne indicato, da parte di una storica associata del CUN (Centro Ufologico Nazionale) ed amica di Zanfretta, come il luogo di incontro con la misteriosa scatola (per la precisione si troverebbe vicino alla pianta nella foto di seguito).



Riguardo all'intera vicenda, di prove oggettive ed incontestabili non ce ne sono. Questa è l’unica vera certezza. Purtroppo, come meglio vedrò di giustificare, credo che allora non sia stata fatta una seria indagine. Ciò ha compromesso definitivamente la possibilità di fare chiarezza sui fatti.
Lo stesso CISU (Centro Italiano Studi Ufologici), una delle maggiori associazioni italiane che si occupa di ufologia, si espresse a suo tempo nella sua rivista UFO (citata in bibliografia) in questi termini: "Una prima notazione è infatti sulla qualità dell'informazioni in nostro possesso, che spesso è molto scarsa o inficiata da un'impostazione sensazionalistica e poco scrupolosa, che non consente una comprensione chiara di quali fatti siano riportati fedelmente e quali deformati dalle idee e dalle aspettative di chi ha raccolto i dati".
E proseguì: "È quindi un peccato che all'epoca non sia stata svolta un'azione più approfondita ed organica per approfondire la conoscenza su questi due casi (n.d.r. i primi due presunti casi rapimento) che avrebbe permesso forse di scoprire la soluzione definitiva".
Nonostante questo, si possono fare, ora, diversi ragionamenti interessanti.
Innanzitutto, la stragrande maggioranza della storia esce dalle sedute di ipnosi. E l’ipnosi non da nessuna certezza che quanto raccontato sia oggettivamente reale.
Il rischio che il soggetto giochi di fantasia e che l’ipnotizzatore lo aiuti in questa elaborazione è, infatti, talmente alto che non si può prendere per certo quanto emerga. Vi siete mai chiesti come mai l’ipnosi non sia accettata nei tribunali e che, anzi, negli Stati Uniti chi ad essa è stato sottoposto non possa più testimoniare?
Nelle stesse ipnosi a Zanfretta, forse effettuate da troppi interlocutori, mi sembra che sia stata involontariamente forzata la mano al paziente. Nessuno discute della capacità professionali di chi le fece, però, vi sono, ad esempio, troppe domande di tipo "chiuso". Queste, di conseguenza, potrebbero aver indirizzato la mente di Zanfretta verso una strada di soggettività, anche se sicuramente non voluta.
Prendiamo qualche caso. Nella prima ipnosi il dottor Moretti, all'inizio della seduta, pronunciò la frase "Io vedo un cancelletto, un cancelletto bianco, mi sembra aperto, vero?". Oppure, in un'ipnosi successiva, gli rivolse la frase "E come parlavano con te?". Cioè fu l'ipnotista stesso a fornire al paziente un quadro, seppur parziale, della situazione. Oppure, in un altro esempio, a Zanfretta venne suggerito che Loro gli avessero parlato. Una domanda "aperta" avrebbe, invece, dovuto essere "Ti hanno parlato?".
Questo discorso delle domande "chiuse-aperte" credo sia molto importante. Sull'argomento il già citato CISU si esprime in questo modo nel volume "UFO e ufologia" alla sezione "Il racconto e i dati osservativi": "Mai rivolgere al testimone domande-guida (n.d.r. qui si sta riferendo ad un soggetto cosciente, cioè non ipnosi) quelle cioè in cui è implicita la risposta. Se si chiede subito se un corpo volante era a forma di disco o di sfera, la cosa più probabile è che il testimone cerchi di accontentare chi gli pone le domande adeguando di conseguenza tutto il suo racconto. Se ci dicono che l'Ufo era grigio piombo, non bisognerà chiedere (se) allora poteva essere fatto di metallo, perchè il testimone si è soltanto riferito al colore, non al materiale di cui forse quel corpo poteva consistere".
Nel caso del dottor Rolando Marchesan, poi, venne addirittura dato al metronotte un ordine ipnotico di comunicare a Loro che una delegazione di terrestri sarebbe stata era pronta ad incontrarli.
Inoltre, l'ipnosi venne permessa anche a persone non autorizzate, come all'ufologo Luciano Boccone o al giornalista Rino di Stefano.
Ripeto, lungi da me l'idea di dar lezioni a dei professionisti del settore che sicuramente avranno svolto al meglio il loro lavoro, però, credo sia legittimo porsi delle domande.
E le domande se le è poste anche Lucio Artori, visto quanto scritto in Ufo Notiziario n.68 (rivista a cura del CUN, Centro Ufologico Nazionale).
Si legge infatti che "nella prima seduta sono ravvisabili due leggerezze metodologiche che potrebbero avere influito sull'esito dell'operazione, distorcendo parte del vissuto rievocato da Zanfretta. La prima di esse riguarda la scelta dell'ambiente; per la seduta, infatti, fu scelto lo studio del medico, un ambiente sicuramente non familiare al metronotte (...) La seconda leggerezza metodologica riguarda l'eccessivo numero di persone presenti nella stanza in cui si svolse la prima seduta".
In pratica, il disagio conseguente, potrebbe aver inquinato i suoi ricordi.
Riferendosi all'atteggiamento del dottor Moretti scrive: "Egli commette un grave errore, un errore che non ci si aspetterebbe mai da un professionista. La domanda che egli rivolge a Zanfretta, infatti, è una domanda univoca, in cui è già contenuta implicitamente la risposta; ponendo una simile domanda ad un soggetto ipnotizzato, lo si induce a fornire la risposta suggerita dalla domanda stessa" (la domanda era se, assieme alla cefalea, avesse udito anche un fischio). Questo è solo uno dei vari esempi riportati nell'articolo (anch'io, nei miei, mi sono limitato ad uno stringato estratto).
Tutti coloro che hanno incontrato Fortunato Zanfretta lo giudicano in buona fede, in ogni caso le perizie psichiatriche alle quali fu stato sottoposto denunciano un soggetto suggestionabile e con scarsa capacità critica, emotivamente non equilibrato, e bisognoso di attrarre l'attenzione .
E considerando come l’inquinamento psicologico al quale fu sottoposto, da parte di psicologi, ufologi ed amici sia stato notevole, si può immaginare quanto la sua mente possa essere stata involontariamente condizionata (perché, mai dimenticarlo, il tutto viene filtrato proprio dalla mente).
La stessa figura dell’alieno ricorda in modo sospetto il film Il mostro della laguna nera.



Che lo abbia visto in gioventù e non se lo ricordi?
Così come è sospetto il nome Dargos usato da Zanfretta. Infatti proprio in quel periodo alla televisione nazionale venne trasmessa una fortunatissima serie di cartoni animati di fantascienza dal titolo Goldrake atlas ufo robot. Ricordo che non ne perdetti una puntata. Ebbene, il "cattivo" del programma si chiamava Hydargos.



Non fa pensare?
La storia di Zanfretta presenta, comunque, anche elementi oggettivi che richiedono un’interpretazione.
Prendiamo gli avvistamenti delle luci che a Torriglia molti, a quel tempo, dichiararono di vedere, compreso anche un brigadiere della finanza. Non mi risulta, però, che ce ne siano mai stati direttamente da parte dei carabinieri nè che esistano prove fotografiche.
Il fatto è che siamo nella cosiddetta “ondata ufo” degli anni 1977-1980. Ciò significa che in tutto il Paese la gente giurava di vedere strani oggetti luminosi volare sulle proprie teste. Ma quanto successe a Zanfretta risultò un unicum in quel periodo. Quindi la correlazione fra i due avvenimenti mi sembra alquanto azzardata.
In ogni caso, di quanto raccontato dai torrigliesi, non rimane che la sola testimonianza. In quanto tale, c’è poco da aggiungere perché le variabili che la possono influenzare sono pressoché infinite (buonafede o meno, capacità interpretativa, suggestionabilità, senza dimenticare le invenzioni giornalistiche etc).
Lo stesso dicasi per le dichiarazioni da parte dei colleghi di Zanfretta. Si racconta che, in una occasione, spararono diversi colpi di pistola a due fari luminosi proiettati da dentro una nube.
Fa, poi, pensare la frase che ho trovato in nazioneoscura.wordpress.com/2012/07/14/zanfretta-labduction-di-... (fa riferimento alle 52 persone che confermarono al comandante Nucchi della stazione dei carabinieri di Torriglia di aver visto, la notte del primo rapimento di Zanfretta, un grosso oggetto luminoso su Marzano): "Io conosco molta gente di Torriglia e non ho mai conosciuto uno di questi 52. Probabilmente dissero qualcosa, per poi capire di essere sotto l'effetto della sugestione e nascondere le proprie dichiarazioni".
Sempre in tema di avvistamenti, la ragazza del Punto Informazioni di Torriglia, mi ha spiegato, al contrario, che molta gente, allora, vide "qualcosa" di strano. "E cioè le classiche luci?", ho chiesto. "No, oggetti che sembravano solidi. E a breve arriverà una troupe di Sky per far finalmente parlare i testimoni dopo tanti anni".
Gli ha fatto eco una signora in un bar, confermando quanto, affermando che "è tutto vero, sennò perchè Zanfretta sarebbe andato addiruttura negli Stati Uniti?".
In questi casi, ripeto, è d’obbligo sospendere il giudizio perché non è possibile nessun tipo di verifica.
In altri, invece, i ragionamenti possono diventare più probanti.
Prendiamo le orme gigantesche ritrovate sul posto.



I carabinieri, nel loro rapprto, parlarono di "n.2 impronte di scarpa con tacco della lunghezza di 45-50 centimetri, con suola concava", ritrovate nella ripida strada che da Scoffera porta verso il piccolo centro di Rossi.
Di Stefano, invece, scrisse che "risultavano essere lunghe oltre 50 centimetri". Diciamo che, in sostanza, erano più lunghe del normale.
A proposito di Scoffera, un particolare curioso. Entrando in paese dal lato nord est, cioè in direzione Torriglia, si legge che è nel comune di Torriglia.
Al contrario, accedendo dal lato sud est, vi è scritto che è nel comune di Davagna.
Ora, nel sito italia.indettaglio.it/ita/liguria/torriglia.html viene citato sia nel comune di Torriglia che in quello di Davagna. Forse il paese è diviso amministrativamente diviso in due? Ad ogni modo non è difficile incontrare le pecore fra le abitazioni.
Tornando alle impronte, mi chiedo se sia possibile che un essere animalesco, e con un conformazione del piede/zampa non certo umana, possa lasciare un’impronta appunto … umana (seppur grande). Non potrebbe essersi trattato, più semplicemente, di un affossamento del terreno con quella forma curiosa? In fondo, se riflettiamo, la stessa variabilità delle misure indicano che le impronte non fossero poi così ben definite.
Anche osservando la fotografia (che, son d'accordo, non potrà mai essere paragonabile ad una visione diretta), quello che si nota è il bordo esterno del presunto tacco ed una linea che attraversa la suola nel punto in cui questo si congiungerebbe con la parte mediana e puntale della scarpa. Oltre faccio fatica ad andare, senza considerare che la linea mediana sembra proseguire oltre la scarpa medesima (il tratto è interrotto dalla scarpa di un carabiniere).
Ci sono, inoltre, due particolari che possono aver influito notevolmente sulla forma e dimensioni delle impronte: la pioggia e il freddo intenso ("pioveva a dirotto, il termometro segnava quasi zero gradi").
Consideriamo, innanzitutto, che vennero viste inizialmente di notte e sotto la pioggia, quindi in condizioni di non facile valutazione. Poi, si fotografarono il giorno seguente in termini ambientali decisamente migliori. Il punto è che la pioggia, allagandone l'incavo, potrebbe averne alterato la forma. E non ci sarebbe da sorprendersi se il freddo intenso avesse creato un leggero strato di ghiaccio.
Se così fosse, la fase di congelamento-scioglimento avrebbe sicuramente aumentato le dimensioni delle tracce. Basti pensare ad una bottiglia d'acqua messa in freezer: si rompe, perchè il ghiaccio fa aumentare il volume dell'acqua.
Poi, mi chiedo, come mai solo due impronte? Se così fosse, il presunto essere non si sarebbe neppure mosso. Il che apparirebbe un po' strano.
Credo, comunque, di essere risalito al punto esatto in cui le impronte vennero ritrovate.







Non ne sono sicuro al cento per cento, in quanto la ricostruzione è partita da una fotografia dell'epoca, e in trent'anni le cose posso un po' cambiare. In ogni caso, il posto, se non il medesimo, è molto simile a quello originario.
Veniamo, ora, alla cosiddetta traccia a ferro di cavallo, ritrovata nei pressi della villa (alla fine ne furono ritrovare due, qui analizzo quella di cui forse si è parlato maggiormente, profonda tre cm, larga quindici e dal diametro di tre metri).
Il prato appartiene, almeno ora, ad una proprietà diversa rispetto a quella della villa "zanfrettiana". Questa è visibile sullo sfondo, con l'angolo di sinistra (coperto da una pianta) testimone della presenza del Dargos.



L'immagine originale dell'impronta è consultabile in www.rinodistefano.com/it/articoli/zanfretta.php.
Il brigadiere Antonio Nucchi, comandante della stazione, a proposito, invece, dell'altra impronta, comunque poco visibile, dichiarò "Pareva che qualche oggetto di quella forma, piuttosto pesante, fosse stato appoggiato sull'erba. La vegetazione, infatti, appariva piuttosto schiacciata ... Ci sono troppi indizi che confermano l'ipotesi di un Ufo".
Senza nulla togliere alle capacità investigative del comandante, mi sorge spontanea una domanda: essendo l'Ufo, per definizione, un qualcosa che non si sa cosa sia, è legittimo coinvolgerlo nella legge causa-effetto? Non sapendo nulla di esso, come si può ipotizzare i suoi effetti?
In ogni caso, analizzare il problema significa dover rispondere a due domande: cosa abbia provocato la traccia più definita e fotografata e come mai non ce ne siano altre oltre a questa.
L'ipotesi "mezzo agricolo" credo la si possa scartare, in quanto, da un'indagine che ho fatto, non sembra essercene uno in grado di provocare una tale figura.
Idem per l'idea "elicottero", perchè non esistono pattini a ferro di cavallo.
Più interessante mi sembra l'ipotesi "veicolo a due ruote".
Non potrebbe, infatti, essere stata la traccia lasciata da una vespa o motorino? Ho fatto una piccola ricerca, ed ho scoperto che i "15 cm" sono proprio la larghezza della gomma di alcuni moderni scooter, come la Pirelli Diablo Scooter 150/70 R14 66S.
Se le Vespe del tempo avevo gomme con misure inferiori, come la Primavera (8 cm) e il PX (9 cm), non si può dire per le moto di cilindrata superiore.
Come giustificare, però, il fatto che l'impronta non proseguisse fino all'uscita del campo? Una eventuale moto non poteva certo aver volato per andare nel mezzo dello spiazzo.
Per rispondere a questa domanda sarebbe stato importante aver analizzato il terreno. Perchè le caratteristiche di una traccia sono legate alla sua tipologia (calcareo, argilloso etc), all'acqua di cui si impregna (in zona "la neve era accumulata ai bordi") e alla pesantezza dell'oggetto che vi si appoggerebbe. Nello specifico, il terreno potrebbe aver avuto una distribuzione di minerali non omogena, ma, soprattutto, per la presenza di un leggero avvallamento, aver "bevuto" più acqua ed essere quindi meno compatto rispetto ad altre zone.
Ho voluto fare una prova. Abitando in campagna, sono circondato da campi coltivati o di semplice erba.
Visto che sono percorsi da mezzi agricoli, desideravo capire se potessero esistere tracce non continue del loro passaggio. In pratica, lo scopo era trovare segni isolati dei loro spostamenti, quindi non i classici binari di entrata e uscita dalla strada che costeggia l'appezzamento di terreno.





Ebbene, come immaginavo e come si può vedere, li ho trovate, e velocemente. Da un binario di semplice erba schiacciata si passa a veri e propri solchi che vanno in profondità. Il che dimostra che avere tracce isolate è tutt'altro che strano.
Ritornando a Marzano e osservando il campo dal vivo, ho notato una chiazza brunastra tra lo spigolo nord della casa a cui appartiene e il lato est di "quella" di Zanfretta. E, al di sopra di questo segno, zone di verde dall'apparenza diversa.



In altre parole, il campo, al di là delle cause, non sembra presentarsi, almeno ora, in modo omogeneo, e neppure perfettamente livellato (purtroppo la foto non rende bene quest'ultimo particolare).



Ritornando ai tempi andati, mi chiedo, poi, se furono interrogati i proprietari del terreno per sapere se avessero fatto precedentemente un qualche lavoro agricolo o già notato quella traccia. Oppure se si cercò di capire quanto fosse recente. Insomma, mi chiedo, se venne fatta una qualche indagine per andare oltre la semplice apparanza?
Purtroppo non mi risulta.
Ma, forse, le cose stanno in termini molto più semplice, almeno a giudicare da quanto mi hanno confessato due persone di Marzano.
Ho avuto la fortuna di incontrare una signora anziana che vide personalmente quella traccia a ferro di cavallo. Vediamo ricostruito il botta e risposta tra lei e me.
"Secondo lei, cosa può essersi posato sopra?".
"Perchè mi dice posato?".
"Beh ... il segno era profondo tre centimetri ..."
"E questo chi glielo ha detto?".
"L'ho letto ...".
"Guardi, non è assolutamente vero. L'ho vista con i miei occhi. L'erba era appena calpestata, aveva solo di particolare un colorito diverso dal resto, come se fosse stata colpita da un qualche fungo".
Che valore dare a questa testimonianza?
Ugualmente interessante ho trovato le dichiarazioni di una giovane signora.
"Lo so io che cosa provocò quella traccia!".
"E come fa, visto che al tempo doveva essere stata una bambina?".
"Me lo raccontava sempre mio padre ... e rideva di tutte quelle storie di alieni e dischi volanti ..."
"E quindi?".
"Cavalli, quei segni li lasciano i cavalli con il loro scalpiccio".
"E suo padre come faceva ad esserne così sicuro?".
"Perchè li allevava".
Affermazioni che, in ogni caso, trovo significative.
Ma la traccia era, poi, davvero a ferro di cavallo?
Perchè non tutti sono d'accordo.
Ad esempio, Ade Capone, nel libro citato in bibliografia, ha scritto recentemente di "... un grande segno circolare, come nella migliore tradizione dei dischi volanti". In realtà, almeno qui, misteri non ce ne sono. Basta osservare l’immagine per rendersi conto che le cose non stanno affatto così.
A sua discolpa, la confusione generata dal fatto che nel libro di Di Stefano si parli di "segno semicircolare" mentre nel suo sito web di "due impronte a forma di ferro di cavallo".
Altro presunto fatto strano, la velocità “impossibile” con la quale l’automobile di Zanfretta avrebbe percorso un tortuoso sentiero di montagna. "Secondo successive ricostruzioni dei fatti, nel momento in cui stava dando l'allarme, Zanfretta si trovava all' interno della galleria della Scoffera".
Il metronotte avrebbe, anche, fatto accenno ad un cartello con scritto "Rossi".
Il problema è: come è stata calcolata la velocità del metronotte? In base alle sue indicazioni via radio, presumo, che avrebbero permesso di identificare gli elementi topografici citati. Ma quanto dichiara un soggetto in uno stato mentale alterato può essere attendibile?
L'utilizzo delle onde radio di una trasmittente sarebbe, invece, stato più efficace? In effetti una di queste venne successivamente nascosta nella parte posteriore dell'automobile, ma servi solo per localizzarlo approssimativamente. Perchè, dunque, non è attendibile tale sistema per individuare con precisione la posizione di un soggetto? Ricordo che siamo alla fine degli anni Settanta e non parliamo di "satellitari", nè siamo in ambito militare. Un semplice emettitore di segnale non può fornire indicazioni precise, considerando che la zona è montagnosa e piena di curve. Si legge, infatti, "il segnale cominciava a farsi sentire e andava aumentando di volume man mano che la radiomobile si avvicinva alla 127 ...".
Passando ad un'altra presunta anomalia, il fatto che dei morsetti posti alle ruote della sua auto, in una occasione, fossero saltati, non prova nulla.
Perchè non è necessariamente un segnale che sia stata portata in aria, come invece suggerito. E, poi, può un solo esperimento essere significativo? Direi di no.
Al proposito si scrisse: "Un aspetto dei racconti di Zanfretta che aveva suscitato molte perplessità era il sollevarsi dei mezzi su cui si trovava quando gli extraterrestri lo attiravano nell'astronave. Dal momento che in un caso del genere le ruote, non più posate per terra, convergono verso l'interno, il (nd.r. tecnico) Buonamici fissò tra la carrozzeria e gli assi dei mozzi-ruota dei cavetti d'acciaio a rottura prefissata".
Una prova di sollevamento confermò la loro rottura. E quando la macchina di Zanfretta venne controllata dopo la sua esperienza si vide che "i fili d'acciaio collegati ai mozzi ruota erano tutti spezzati".
Deciso a far chiarezza su questo punto, mi sono recato da un amico meccanico. Essendo prossimo alla pensione, si potrebbe dire "una vita fra i motori". A suo modo di vedere, l'esperimento è consistito nell'inserire dei cavetti negli ammortizzatori.
In pratica, la molla dell'ammortizzatore, alzandosi, avrebbe spezzato i cavetti infilati fra le sue maglie. Il fatto, poi, che le ruote convergano non centra nulla, perchè questo movimento non agisce in modo significativo sugli ammortizzatori stessi.
Ma quando si alza questa molla?
Sicuramente quando l'auto viene sollevata.
Ma solo in questo caso?
Assolutamente no.
Perchè la sua funzione è quella di andare costantemente su e giù per togliere rigidità alla vettura nel proprio incedere.
Quindi, l'esperimento avrebbe dovuto stabilire a monte quanta l'elasticità, che ripeto è sempre presente, fosse stata, diciamo, normale e quanto invece no. Cioè, in pratica, se l'allungamento della molla è "tot" significa che è dovuto alla semplice conduzione dell'automobile, oltre a quanto, significa che le cause sono diverse.
Ma come si fa a calcolare questo limite?
Ed è qua che iniziano i problemi, anzi direi dei grossi problemi.
Perchè questo è fortemente legato a tre fattori: la tipologia del fondo stradale, la velocità di guida e lo sviluppo del percorso.
In pratica, guidare su una strada sconnessa, a forte velocità ed affrontare molte curve, significa far lavorare tantissimo gli ammortizzatori (che vanno su e giù quando l'auto si piega di lato per una curva o davanti per una frenata o viene sballottata dal fondo dismesso).
Ora, come è la strada percorsa da Zanfretta (stiamo parlando della solita strada per Rossi)?
Di Stefano, che rifece la strada per rendersi conto delle sue condizioni, scrisse che "le curve erano strettissime", mentre, in altra sede, che l'asfalto non era sconnesso.
Zanfretta, sotto ipnosi, dichiarò "E io accelero ... belàn che frenata!". Prendendo con il necessario beneficio del dubbio le affermazioni del metronotte, rimane il fatto incontestabile che siamo in montagna, vi sono tante curve e le frenate sono inevitabili.
Ho percorso con la mia auto quella strada e posso assicurare che è "allucinante", la strada è stretta ed è un susseguirsi initterrotto di curve, spesso a gomito.







Cioè vi sono due delle tre condizioni affinchè gli ammortizzatori lavorino al massimo.
Quindi, siamo ancora così sicuri che la colpa della rottura dei ganci sia da imputare unicamente ad un eventuale sollevamento dell'auto?
Sarebbe stato interessante ripetere l'esperimento dei ganci su un medesimo veicolo, sulla medesima strada e guidato da una persona diversa da Zanfretta.
Come mai non è stato fatto?
Per questo all'inizio dell'articolo parlavo di "occasione persa", perchè sarebbe bastato fare questo semplice esperimento per togliere, nello specifico, molti dubbi (e non fu la sola "occasione persa").
Vi è poi il mistero del Monte Fasce (l'idea originaria era di visitare anche quello e la via che porta verso Genova, ma, le decine di chilometri di tornanti che avrei dovuto aggiungere ai tanti già fatti, sono stati più che scoraggianti).
Veniamo ai fatti.
In pratica Zanfretta, in giro d'ispezione con una Vespa "tra i quartieri di Quarto , Sturla, Quinto e Nervi" posti nella parte est della città, ad un certo punto, sparì (esattamente "qualche minuto dopo la mezzanotte").
Visto che era in costante contatto radio, immediatamente scattò l'allarme e tutte le strade che portano alle alture vennero accuratamente controllate. La motocicletta fu ritrovata "soltanto oltre due ore dopo" in cima al Monte Fasce (832 slm) e con "il motore freddo, non più tardi di 10 minuti dopo, al massimo un quarto d'ora, che lui era arrivato ", quest'ultima affermazione da parte del tecnico Giuliano Buonamici.
Zanfretta, invece, due km più lontano verso la località di Uscio.
Come può essere sfuggito ai controlli, considerando che, a quanto si legge, esiste una sola strada, Via Apparizione, che porta su quel monte e, quindi, messa sotto controllo (ma anche altre strade furono pattugliate)?
In più, come mai il motore venne trovato freddo, nonostante fossimo in piena estate e la salita è piuttosto impegnativa?
La spiegazione più semplice, ancorchè indimostrabile, è che il "blocco" in Via Apparizione venne messo quando Zanfretta era ormai passato e che la zona da controllare in modo mobile fosse troppo vasta.
Poi, osservando i percorsi stradali, mi vengono dei dubbi.
Di "Via Apparizione" ce ne sono due, oltre alle "Salita Poggio di Apparizione" e "Via Canneto di Apparizione".
Una collega Via Posalunga e Via Tanini, e direi che non c'entra.
L'altra, invece, Via Visconte Maggiolo a Via Monte Fasce. Ed è quella che fa al nostro caso (sembra stretta come si legge nelle cronache del tempo).
Il problema è che, in realtà, alla strada Via Monte Fasce (in giallo nell'immagine più sotto), la cosiddetta SP67 e che è quella che porta in cima, ci si può accedere, oltre che da Via Apparizione, anche da altre due vie. Dipende da quale parte di Genova si provenga. Ora, Zanfretta stava controllando una zona piuttosto ampia, e cioè i quartieri di Quarto, Sturla, Quinto e Nervi, che occupa diversi km quadrati. Come si fa, dunque, a capire da quale parte abbia imboccato la via per il monte, che esiste dalla fine degli anni Sessanta, una volta arrivato in zona? Potrebbe, ad esempio, aver scelto Salita Carrupola, che è una parallela di Via Apparizione, o più a sinistra Salita Staiato.



Curioso è anche il discorso del motore caldo, riguardo al quale si possono fare alcuni interessanti ragionamenti.
Ad oltre 800 metri di quota, dopo la mezzanotte, si possano avere, anche in luglio, temperature di 17-18 gradi.
Difficile calcolare la strada percorsa dalla Vespa, non conoscendo l'esatto punto di partenza e di arrivo, ma, guardando la cartina della città, credo si possano ipotizzare un 10-12 km (in ogni caso qualche km avanti e indietro non fa cambiare il significato del ragionamento). Anche la velocità della motoretta potrebbe essere valutata in 40-50 km/h, considerando che la strada è in salita e piena di curve. Di conseguenza il tempo impiegato per salire si aggirerebbe sui 15-20 min.
Di Stefano scrive, come visto, che la Vespa venne ritrovata "soltanto oltre due ore dopo", Buonamici, invece, "10 minuti dopo, al massimo un quarto d'ora che lui (nd.r. Zanfretta) era arrivato".
Come interpretare quanto?
Buonamici è arrivato prima degli altri, cioè ben prima delle due ore, visto che Zanfretta non può averci messo più di 15-20 minuti?
Oppure che Zanfretta ha impiegato molto più tempo del previsto e quando sono arrivati i suoi colleghi, cioè dopo oltre due ore, era solo 10 minuti che era arrivato?
Oppure c'è una discrepanza nelle due versioni?
Magari la verità sta in un'ipotesi mista, e cioè che "Zanfretta era arrivato dopo pochi minuti, i suoi colleghi dopo 2 ore e il motore della Vespa era freddo"?
Se le ricerche iniziarono subito dopo che l'operatore radio capì che c'era qualcosa che non andava nelle parole di Zanfretta, togliendo il tempo percorso dalla Vespa per salire sul Monte Fasce, si può ipotizzare, allora, che il suo motore sia rimasto spento dall'una e mezza alle due ore.
Il motore non potrebbe essersi raffreddato nel frattempo e che quindi fosse normale trovarlo freddo?
Ho posto la domanda ad alcuni conoscenti che possiedono una Vespa degli anni Ottanta.
Tenendo conto delle informazioni presunte che ho loro fornito (distanza percorsa, tipologia di tragitto, velocità, condizioni climatiche) mi han spiegato, senza eccezione di sorta, che il motore di una Vespa, grazie anche ad un raffreddamento forzato ad aria dovuto ad una ventola, perde calore in meno di un'ora.
Quindi, ritrovarlo privo di calore dopo oltre due ore è assolutamente normale.
Io credo che, in ogni caso, prima di avventurarci nello spiegare tutte le possibili ipotesi, sarebbe importante conoscere quale siano i dati certi su cui ragionare.
E poi, in base a questi, fare una simulazione per rivivere i fatti vissuti da Zanfretta e vedere quali risultati escano.
Non credo, però, che quanto sia stato fatto.
E, rimanendo in tema, altrettanto interessante mi sembra il discorso temperatura applicato ad un'altra situazione.
L’interno dell'auto del metronotte registrò una temperatura di 43° (vi sono precise testimonianze sulle quali non è lecito dubitare). Lo stesso Zanfretta venne più volte trovato “caldo” in pieno inverno.
Nel secondo caso uno stato di grande stress (indipendentemente dal fatto che la causa sia reale o meno) può produrre febbre alta (ed in alcune fonti si scrive che Zanfretta avesse davvero la febbre in quelle occasioni). Ciò può far apparire caldo il corpo. Ricordo, comunque, che la stessa attestazione di calore è soggettiva. Naturalmente si tratta di semplici, ma doverose ipotesi. Nel primo, invece, non ci sarebbe (apparentemente) spiegazione attendibile.
In realtà la faccenda potrebbe essere più complicata di quanto sembri.
Pur non contestando la veridicità delle testimonianze, mi sono sempre chiesto come mai manchi almeno una fotografia che attesti un fatto così clamoroso (mentre esiste per i cavetti). Potrebbe, trattarsi, naturalmente di una semplice dimenticanza.
Non sono, poi, riuscito a comprendere esattamente il funzionamento dello strumento di registrazione. Si legge, infatti, di " ... un termometro a memoria che registrava la temperatura massima a cui era sottoposto".
Sembra, quindi, che vi si potesse leggere un solo dato, cioè quello con il valore maggiore.
Da indagini che ho fatto, oggigiorno almeno, esistono essenzialmente due tipi di apparecchi. Quelli che registrano la temperatura corrente ed hanno memoria di quella minima e massima, ma senza un'indicazione temporale. Oppure altri in cui è possibile impostare il tempo di lettura e, di conseguenza, si ha un abbinamento di orario-temperatura, ma si perde quanto succede fra gli intervalli di tempo.
Entrambi i tipi, però, non sembrano corrispondere al modello usato per Zanfretta, limitato ad un solo dato, la temperatura massima e senza nessuna inducazione cronologica.
Naturalmente è possibile che esistono altri tipi di modelli, ma, in fondo, il problema non è questo, ma come funzionava il tipo usato per il metronotte.
Allora, se l'ipotesi formulata è corretta, come sembra dal testo e considerando che alla fine degli anni Settanta la tecnologia era molto inferiore a quella odierna, si può essere sicuri che il dato registrato coincida temporalmente con l’avvenimento dichiarato da Zanfretta?
Ricordo, infatti, che il controllo dell'apparecchio avvenne alcune ore dopo i fatti terminati alle ore 3, e cioè alla mattina successiva, ed il libro di Di Stefano non cita orari di lettura.
Ed in quelle ore, il termometro è rimasto incustodito?
Purtroppo qualcuno avrebbe potuto sfruttare la storia per fini commerciali. Magari per un film (non quello poi realizzato in dialetto genovese).
Nella storia c'è, poi, un particolare che non mi quadra.
Si legge, infatti, ed in riferimento a quando il metronotte venne ritrovato, che "Zanfretta giaceva seduto e ormai mezzo assiderato". Questo dopo che i soccorsi erano giunti velocemente "da non più di un quarto d'ora dopo Zanfretta, per cui non poteva esserci un grosso vantaggio da parte sua".
Quindi, come ha fatto la guardia giurata ad essere mezza congelata solo dopo pochi minuti aver ricevuto una "scaldata" di 43° all'interno della sua auto? Che Loro se la siano presi con questa solo dopo che Zanfretta era sceso? Se così fosse, il fatto sarebbe dovuto, allora, accadere a ridosso dell'arrivo delle persone accorse, che però non notarono nulla di strano.
Peccato non aver controllato immediatamente l'auto.
Purtroppo un'altra occasione persa.
Trovo, poi, significative le dichiarazioni che fece a suo tempo Luigi Cereda, titolare della licenza d'esercizio dell’istituto di vigilanza Val Bisagno, cioè il n°1 dell’azienda.
Naturalmente le dichiarazioni "pro" mistero furono tante, ma sostanzialmente non aggiungono nulla ai fatti riportati. Quindi, mi è sembrato interessante riportare una voce "fuori dal coro".
Egli seguì il metronotte nel suo ultimo appuntamento (siamo negli anni Ottanta). Disse “Non successe nulla … non c’erano segni di surriscaldamento del veicolo … era tutto in termini assolutamente normali … Zanfretta, invece, denunciava sintomi di non completa presenza … accusava forti dolori alla testa”.
Sarà stato solamente sfortunato?
Perchè questa dichiarazione evidenzia un particolare curioso che si coglie leggendo tutta la casistica: nei casi in cui Zanfretta e la sua auto vennnero ritrovate "calde" sul posto, cioè a fatto appena accaduto, erano presenti unicamente i suoi colleghi. Similmente per gli "spari nella nuvola" e la "vespa bollente" del Monte Fasce. Nei casi in cui, al contrario, c'erano il giornalista Di Stefano, il capo della "Val Bisagno" e le forze dell'ordine, non successe nulla.
Come interpretare questo fatto?
A proposito di dichiarazioni conflittuali, Zanfretta riferì, in riferimento alla villa “Casa Nostra”, di aver trovato il cancello aperto e la porta spalancata.
Al contrario quando arrivarono i colleghi in suo aiuto, trovarono il cancello e la porta chiusi. Non credo che si possa pensare che Loro, prima di andarsene, siano stati così cortesi da chiudere la porta.
A dire il vero alla pagina misterobufo.corriere.it/2011/05/24/ufo_xifiles_ovni_incontri_ravvicinati_et_alieni_ab... il curatore Flavio Vanetti scrive: "L’ingresso, oggi con una porta a vetrata, era stato completamente divelto".
E quindi?
E prosegue: "L’orto e il giardino (una parte adesso è stata modificata, con la creazione di alcuni terrapieni) erano devastati, come se fosse passato un tornado (esistono foto e documenti agli atti). E pur essendo praticamente inverno, c’erano ampie zone di erba bruciata. (...) Su tutte (n.d.r. le bruciature) ne spiccava una a ferro di cavallo e dal diametro di almeno una dozzina di metri". Sinceramente non so quale possa essere la fonte di queste informazioni nè dove rintracciare le fotografie citate.
Altro presunto fatto misterioso, l’anticipazione di Zanfretta che Essi avessero appena fatto un po’ di “casino” in Spagna. Fatto riportato il giorno seguente da diversi quotidiani.



Il problema, però, sta in questi termini: quanti avvenimenti ufologici ci furono in quel periodo? Tantissimi, ricordo ancora che eravamo nel grande flap di fine anni Settanta.
In Australia, infatti, il pilota Valentich scomparve mentre inseguiva un ufo, così come tante furono le segnalazioni in tutto il resto del mondo, dagli Stati Uniti ai Paesi Arabi (e nel 1977 uscì il film Incontri ravvicinati del terzo tipo …).
Basta, allora, scegliere la notizia ad hoc ed il gioco è fatto. Se Zanfretta avesse detto “Francia”, anziché "Spagna", ci sarebbe stato un avvistamento che avrebbe calzato ugualmente a pennello. Perchè non tutto quello che succede può essere riportato dai giornali, per ovvi motivi di spazio. In quegli anni furono migliaia le segnalazioni raccolte dagli ufologici, ma non altrettante quelle riportate dai giornali. Questi fanno delle scelte, seguendo determinate logiche.
E, poi, bisogna sempre porsi la domanda giusta: quante volte Zanfretta ha fatto previsioni e non ci ha “beccato”? Da quando, poi, è uscita la storia della scatola extraterrestre che va periodicamente ad azionare, mi sembra che la “cilecca” sia regola (vado a memoria, il 2010 doveva essere, a suo dire, l’anno del “contatto” o quasi).
Parliamo, ora, dei capelli bianchi, divenuti tali nel giro di pochi mesi. Se da una parte possono essere causati da un forte stress (le cui cause sono infinite, non necessariamente “aliene”, come ad esempio relazioni famigliari tormentate), dall’altra il motivo può essere dovuto a malattie, come l'anemia perniciosa e i disturbi alla tiroide. Sarebbe stato interessante conoscere se nella sua famiglia questo “inbianchimento” precoce fosse già stato presente. Ma, poi, è vera questa storia che circola sui “capelli bianchi”? Ho provato a far passare le varie foto che riprendono Zanfretta in tutte le “salse”, ma i capelli sono sempre inesorabilmente neri.
I colleghi hanno, poi, dichiarato che, in fase di inseguimento del metronotte, si spensero le luci ed il motore della loro auto. Sarebbe interessante porre la domanda in questi termini: quante altre volte si spensero senza inseguire Zanfretta? Perché la mente ha la tendenza a fare una selezione della memoria. Proviamo a riflettere sulla storia “penso una persona, suona il telefono”. Nessuno si chiede mai quante volte si sia pensato a determinate persone ed il telefono sia rimasto muto.
Si legge, inoltre, che il metronotte parlò in ipnosi con una lingua sconosciuta. Ma se è sconosciuta come si fa a capire che è una lingua strutturata e non un’insieme di involontarie farneticazioni? Inoltre la trascrizione venne fatta da Di Stefano sulla base di quanto udibile dal nastro registrato. Ciò pone due problemi: la corretta interpretazione della mente (pur nel massimo della buona fede) filtrata da quanto proveniente da un organo di senso, l'udito, e la qualità della registrazione effettuata su un registratore analogico, quindi con nastro magnetico. Giustamente il già citato Artori si chiede come mai a volte quanto venga udito come "c" venga scritto come "K", o sia inserito il termine "the" all'inglese. Ed in riferimento al linguaggio scrive di "un lessico estremamente ridotto" che certamente fa a pugni con il concetto che noi abbiamo di una civiltà evoluta.
C’è anche la storia dell’urina scura, espulsa alla fine di ogni rapimento. Se è vero che le cause possono essere diverse (come ad esempio un intenso sforzo muscolare), è sospetto il fatto che non l’abbia mai fatta analizzare, nonostante gli fosse stato espressamente suggerito. Per la cronaca non gli furono rioscontrate patologie tali da esserne la causa.
Poc’anzi si parlava della buona fede di Zanfretta. Lo conobbi diversi anni fa durante un convegno a Seregno al quale eravamo stati entrambi invitati.



I pochi minuti del colloquio mi convinsero di avere di fronte una persona sincera. Seppi, successivamente, che nell'istituto religioso, dove credo ancora lavori, si distinse per un atto di encomiabile coraggio salvando un gruppo di anziani da un incendio che li era scoppiato.
Il fatto, però, di non aver portato uno straccio di prova nonostante i ripetuti contatti con i suoi presunti rapitori, non depone sicuramente in questo senso. La stessa vicenda giudiziaria in cui venne coinvolto non può che gettare ombre sulla sua figura. Sotto un estratto della notizia apparsa sui quotidiani del tempo.


(13.10.1993) LaStampa - numero 279
Il metronotte che ha visto i marziani è accusato di aver rubato alla Coop
Fortunato Zanfretta, il metronotte che nel 1978 disse di avere avuto ben tre incontri ravvicinati del «terzo tipo» con i marziani, ora è finito nei guai con la giustizia. E' indagato di peculato perché si sarebbe impossessato, nel maggio scorso, di tre milioni presi dalla cassa continua della Coop di Sestri Ponente dove aveva prelevato l'incasso della giornata assieme a due suoi colleghi. Ieri pomeriggio il metronotte, difeso dall'avvocato Paolo Scovazzi, è stato interrogato dal sostituto procuratore della Repubblica Francesca Nanni che sta conducendo l'inchiesta sugli ammanchi. Era stata la stessa società di vigilanza «Valbisagno» da cui dipende Zanfretta a denunciare la vicenda. Il magistrato sta indagando su altri ammanchi, per un centinaio di milioni che si erano verificati nell'anno precedente al maggio scorso sempre dalle casse continue dei supermercati.
Non fu in grado di discolparsi e perse la licenza di guardia giurata. Comunque si è sempre dichiarato estraneo alla vicenda.
E a proposito di “ombre”, va ricordata quella che ha recentemente interessato il dottor Mario Moretti, accusato di aver avuto come socio una persona priva della laurea specifica per esercitare la professione medica.



Si scrive, spesso, che Zanfretta non ha guadagnato nulla da quanto è successo e che, anzi, come conseguenza, abbia perso il lavoro e rovinato la famiglia. In realtà il lavoro non lo ha mai perso, nel senso che disoccupato non lo è mai stato (era finito, poi, con il ritornare alla “Val Bisagno”). Sul discorso “famiglia rovinata” come si fa ad essere sicuri che la causa sia l’affaire alieno oppure non la si debba cercare nelle normali dinamiche di coppia? Sul fatto che non ci abbia lucrato sopra ne sono convinto, ma non tutto quello che uno fa trova nel denaro la propria molla. A volte è il piacere di essere al centro dell’attenzione, di essere continuamente cercato. È un modo anche per migliorare la propria autostima. Questo, naturalmente, non significa che Zanfretta abbia imbrogliato, ma solamente che non si possono usare determinati ragionamenti per dimostrare che non lo abbia fatto.
Quindi, che conclusioni tirare?
Prima di quanto, invito a considerare due particolari che trovo particolarmente significativi e che invece sono stati sostanzialmente trascurati da chi si è occupato della vicenda.
Io credo che le uniche vere ed incontrovertibili dichiarazioni di Zanfretta siano quelle che precedettero il tutto, e cioè che si riferiscono all’approccio ed ingresso nell’abitazione “Casa Nostra”. Quindi prima dell’incontro con gli Esseri. Perché, da li in poi, più o meno involontariamente, ci sono state tutta una serie di interferenze che ne hanno annacquato l’attendibilità.
Ad esempio, la sera stessa e subito dopo l'incontro con il mostro, dichiarò, non in ipnosi, di aver notato un velivolo triangolare molto appiattito, addirittura più grande della stessa villa. Ma, al contempo, che la luce era talmente accecante da doversi riparare gli occhi con il braccio. Ora, come fece a descrivere così bene l'oggetto se la vista era offuscata dal bagliore che emanava?
Perchè, in fondo, si dimentica come funzioni la memoria. Un ricordo non è una fotografia conservata in un cassetto da tirar fuori all'occorenza come un fatto oggettivo. Recuperare un ricordo significa innescare un processo di ricostruzione, come se si assemblasse un puzzle, attingendo i singoli dati delle informazioni sparsi nella mente. E gli incastri non sempre vengono bene, specialmente se la tranquillità viene a mancare, e si fa fatica a distinguere il vero dal possibile. Rammento che Zanfretta alla fine dei suoi incontri era talmente "fuori" da non rinoscere i propri colleghi di lavoro. Ed era in quei momenti che la sua mente cercava di fissare l'esperienza vissuta.
Detto questo, torniamo alle dichiarazioni di Zanfretta.
Ebbene, affermò testualmente “ho visto allora quattro luci che si muovevano nel prato circostante la villa”.
In Notiziario Ufo del marzo 1979 Luciano Boccone scrisse che "il guardiano scorge quattro luci bianche, quattro "luci di pila" (le ulteriori virgolette indicano che dovrebbe trattarsi delle parole di Zanfretta) disposte a triangolo, che si muovono orizzontalmente avanti e indietro a circa un metro da terra, davanti alla facciata sued-est della casa".
Del caso Zanfretta ne parlò anche nel suo libro citato in bibliografia, anche se, ad onor del vero, certe sue convinzioni lasciano perplessi, come l'idea che "l'Umanità sarebbe succube, a sua insaputa, di entità eteriche aliene".
Ora, proviamo a ragionare un attimo. Alieni che hanno superato gli abissi dello spazio-tempo avrebbero avuto bisogno di luci per vedere o semplicemente per muoversi? Già noi terrestri abbiamo superato da tempo questo limite, ad esempio grazie ai visori notturni.
Poi, affermò “mi sono sentito spingere e mi sono voltato di botto”.
Ci vedete alieni supertecnologici che gli danno una spinta per richiamare la sua attenzione come a dire “Ehi, ma dove guardi, siamo qui”.
Non credo sia ragionevole.
Il che mi fa pensare che chi incontrò Zanfretta non avesse nulla di extraterrestre e non fosse neppure un ladro.
In questo filone "terrestre" qualcuno ha formulato l'ipotesi che quanto visto dal metronotte fosse stato un cavallo con la criniera ricoperta di brina (interessante il fatto che il giorno dopo il giornalista Di Stefano abbia parlato di "brina gelata" presente sul posto).



Se immaginiamo il contesto ambientale (buio, freddo, foschia) e le possibili condizioni di Zanfretta (stanchezza per il duro lavoro da metronotte spesso svolto in condizioni difficili, tensione per il sospetto della presenza di ladri), l'idea è molto meno balzana di quanto possa sembrare. Insomma, quanto capitato a lui avrebbe potuto succedere a chiunque.
In più, la spinta che ricevette da dietro, potrebbe essere il classico richiamo del muso del cavallo. Rimane da spiegare, in ogni caso, da dove sarebbe spuntato fuori questo ipotetico quadrupede, mentre le luci viste avrebbero potute benissimo essere quelle di ladri, disturbati dal cavallo stesso. L'ipotesi rimane, naturalmente, indimostrabile, anche se la presenza di cavalli in zona non sarebbe così inconsueta, almeno facendo scorrere le offerte immobiliari e da quanto raccontato più sopra dalla signora di Marzano.
C'è stato anche chi ha avanzato l'ipotesi che Zanfretta abbia male interpretato una semplice pianta, ricoperta di brina e ondeggiante sotto i venti invernali. L'albero in questione e quello che si vede sotto, ed è posto nello stesso campo della traccia a ferro di cavallo.



Sicuramente allora era molto più piccolo, diciamo che avrebbe avuto le giuste dimensioni, considerando quanto dichiarato da Zanfretta. Personalmente mi sembra un po' una forzatura, considerando che la teoria non spiega la spinta da dietro che il metronotte ricevette in quei momenti.
Prima di passare alla parte finale, "due parole" su Torriglia, il comune al cui interno si trova Marzano, da cui, in fondo, tutto nacque.
Sull'abitato dominano i resti di un castello dell'Anno Mille, purtroppo in ristrutturazione e visibile solo dall'esterno. Invitante, però, la stradina di accesso che fiancheggia un piccolo bosco.
Ma tornando al "mistero", si direbbe che in questi giorni sia scoppiata una sorta di "ufo-mania".
L'unica libreria che ho trovato aveva in bella mostra il libro di Di Stefano (e forse questo non è un fatto estemporaneo).



Sono le vetrine dei negozi o dei punti di ristoro, invece, che colpiscono, dando il massimo risalto ad un convegno ufologico che si terrà nel prossimo mese di settembre (e che parlerà soprattutto di Zanfretta). Sotto alcuni esempi.







Ritornando ai fatti, preferisco, a questo punto, fermarmi qui perchè credo che più si approfondisca più escano domande senza risposte, anche se la mia personale impressione è che gli avvenimenti furono molto meno misteriosi di quanto siano comunemente presentati. Non avvenne, cioè, nulla che non possa avere una spiegazione verosimile, il che, naturalmente, non significa vera.
Ritengo, in altre parole, che siamo di fronte più che a fatti "inspiegabili", cioè privi di una spiegazione ordinaria, a fatti "inspiegati" (e questo nella migliore delle ipotesi), ossia senza una giustificazione, ma solo per l'impossibilità di analizzarli approfonditamente. E la mancanza di informazioni verificabili non può essere usata per provare qualcosa.
Comunque ritengo sia arbitrario tratte conclusioni definitive, ma al contempo doveroso cercare di andare oltre alla letteratura sui fatti, pur non avendoli vissuti in prima persona.
Il tutto al semplice scopo di capire.
Sul tavolo ci sono, ora, distesi tutti i tasselli del puzzle. Ognuno li incastri secondo la propria sensibilità.
In ogni caso, sono convinto che il mistero del caso Zanfretta sarà destinato a non tramontare mai.
OFFLINE
Post: 1
Registered in: 8/18/2012
Gender: Male
Junior User
8/18/2012 9:35 AM
 
Quote

Risposta all'autore Stefano Panizza pubblicata sul sito falsimisteri.myblog.it il 14/08/2012
Egregio signor Panizza,
vedo che il caso Zanfretta le sta a cuore e lo prova il fatto che abbia ritenuto opportuno recarsi a Torriglia per cercare di risolvere quel mistero che, come ammette nelle sue conclusioni, sembra essere destinato a rimanere tale. La cosa più paradossale è che lei stesso ripete quanto io ho scritto circa il fatto che non vi sono elementi tali da poter esprimere un giudizio definitivo su quanto è accaduto all'ex metronotte. Personalmente mi sono limitato a riportare tutto quanto è accaduto, senza aggiungere un qualunque commento. Così come non ho mai nascosto luci e ombre degli eventi accaduti.
La differenza tra noi due è che io ho seguito i fatti fin dall'inizio, riportando tanto le indagini dei carabinieri quanto i risultati di quelle che ho condotto personalmente. Senza avere la benché minima intenzione di convincere qualcuno su qualcosa: ho esposto gli episodi realmente avvenuti, citando tutte le possibili testimonianze delle persone che all'epoca sono state coinvolte in questo caso. E ho lasciato al lettore ogni giudizio. Lei, invece, preso com'è dal desiderio di smontare tutto a qualunque costo, cerca soltanto di denigrare e di minimizzare, seguendo il filo dei suoi ragionamenti. Addirittura, a oltre trent'anni di distanza dalla vicenda, cita l'improbabile testimonianza della prima persona che le capita a tiro spacciandola come autorevole. Se non fosse così palese il suo tentativo, non mi preoccuperei neppure di risponderle. Tuttavia, anche per replicare alle sue nuove presunte “scoperte”, mi corre l'obbligo di fare alcune precisazioni. Prima di tutto, di nuovo, il discorso delle indagini fatte all'epoca. Che le piaccia o no, il caso Zanfretta è stato oggetto di una seria inchiesta giudiziaria da parte dei carabinieri, i quali l'hanno poi trasmessa, per legge, alla magistratura. La Pretura Unificata di Genova, come a quel tempo si chiamava, prese nota di tutto e decise di archiviare il caso per “mancanza di estremi di reato”. Adesso, invece, arriva lei e fresco fresco dice che non è vero, perché all'epoca non vennero fatte indagini con competenza. Mi verrebbe voglia di risponderle per le rime, ma non lo faccio soltanto per educazione. Non solo. Cita poi i commenti di alcuni elementi del CISU e del CUN i quali, scornati dal fatto di non aver potuto accedere alle indagini ufficiali da parte delle forze dell'ordine, sostengono che le indagini non furono mai complete. Da parte loro, è verissimo. Non le fecero mai. Un po' perché avevano preso sottogamba il caso Zanfretta; un po' perché né i carabinieri, né i responsabili dell'Istituto di Vigilanza Val Bisagno, si fidavano di avere tra i piedi gente che curiosava qualificandosi soltanto come “ufologi”. Badi bene: conosco delle persone che meritano la massima stima in quel settore. Ma molti di questi signori, che le piaccia o no, almeno in quel periodo, non erano davvero all'altezza di potersi definire studiosi credibili. Ed è per questo che, dal loro punto di vista, ma soltanto dal loro, le “indagini non furono mai complete”.
C'è poi il problema dei nomi troppo simili a quelli dei fumetti. Che cosa si crede di aver scoperto? Sono stato io stesso a dirlo nel mio libro (a proposito, lo ha mai letto? Diverse cose mi fanno pensare di no...).
Grande è poi la sua gaffe quando parla dei 52 testimoni. Si scarichi dal mio sito web il rapporto che l'allora brigadiere Antonio Nucchi inviò alla magistratura. Tra quei 52 c'erano anche il sindaco di Torriglia, Cevasco, il guardiacaccia Barbaceto e diversi altri. Che le faccia piacere o no, e sinceramente non me ne frega niente, il numero dei testimoni (con tanto di nome e cognome) era davvero impressionante. E questo dettaglio non può essere considerato minoritario soltanto perché non le fa gioco.
Assurdo e palesemente falso è anche quanto dice a proposito di Zanfretta, cioè che non sarebbe mai andato negli Stati Uniti. Si informi, prima di scrivere castronerie. Zanfretta nel 1991 si è recato insieme a me e a Roberto Pinotti (lo conosce? E il più noto divulgatore in campo ufologico che ci sia oggi in Italia) a Tucson, in Arizona, per partecipare al primo Congresso Mondiale di Ufologia, su invito dell'ex colonello dell'Intelligence Usaf Wendelle C. Stevens. Se la vista non le si affatica troppo, si legga tutto e guardi le foto nel mio libro.
E veniamo alle orme. Anche qui ci ricasca. Vennero rinvenute dai carabinieri soltanto la mattina dopo, e non nella notte. Inoltre, non è affatto vero che il punto in cui vennero trovate oggi è coperto dall'asfalto. E' vero, invece, che qualcosa aveva sradicato la vegetazione in senso circolare ai bordi dell'asfalto e in quel preciso punto furono trovati i due segni circolari e le orme. Io mi sono limitato a raccontare quanto è accaduto, invece lei ipotizza questo e quello cercando in tutti i modi di dare una spiegazione plausibile a ciò che, in effetti, non è davvero spiegabile. Chi di noi due si sta inventando qualcosa pur di far combaciare a tutti i costi le tessere del puzzle?
Si va poi nel grottesco quando tira in ballo la traccia a forma di ferro di cavallo che io e il fotoreporter Luciano Zeggio abbiamo trovato nel prato davanti alla villa Casa Nostra. Ma che cosa si va inventando? Tracce di motorini e altre stupidate del genere... A parte il fatto che quel prato non esiste più da un pezzo, tutto quello che c'è da dire è che sulla superficie ricoperta dalla galaverna, e cioè quel fenomeno naturale che ricopre la vegetazione di ghiaccio in certe condizioni di temperatura e umidità, appariva quella forma chiaramente impressa sull'erba ghiacciata. Si guardi la foto che ha fatto Zeggio e che c'è sul libro. Era al centro del prato e non partiva dai bordi. Era, appunto, come se qualcosa si fosse appoggiato proprio lì, venendo dall'alto. Che cosa fosse lo lascio alle sue deduzioni, senza dubbio più fantasiose delle mie.
C'è poi la faccenda della strada che porta a Monte Fasce. In effetti, la strada che dall'area di corso Europa porta su fino a Monte Fasce, passando dal quartiere di Apparizione, assume diversi nomi mano a mano che si sale. Io non li ho citati tutti, per non tediare il lettore. Anche perché la strada è una e una sola. Non c'è quindi modo di sbagliarsi, come ogni genovese sa. Secondo lei, avrei dovuto dire che fino ad un certo punto la strada si chiama in un modo e poi, ad una certa altezza, cambia nome per poi ricambiarlo? A Genova diciamo la strada di Apparizione per il Fasce. Se questo non le è sufficiente, non so che farci. Ma non cerchi questi mezzucci per screditarmi, per favore.
In quanto al termometro, era a mercurio. Ricordo che era piuttosto grosso e all'interno di un contenitore cilindrico di cartone. Ho riportato nomi e cognomi dei tecnici che hanno controllato il calore che indicava. Pensa che siano tutti dei bugiardi? Liberissimo di farlo, ma lei, che cerca sistematicamente di ottenere un risultato preconfezionato a suo uso e consumo, che cos'è?
Vedo, inoltre, che sproloquia anche sulle condizioni termiche in cui venne ritrovato Zanfretta. Una volta, e nel libro lo racconto, c'ero anch'io in una di quelle spedizioni di soccorso notturne. Il colore della pelle del viso e delle mani di Zanfretta era tendente al blu. E la temperatura esterna era sotto lo zero. Secondo lei, per quale motivo l'uomo si era ridotto in quel modo?
Sul discorso Spagna, poi, vedo che non vuole neppure stare a sentire. Di quali notizie va cianciando? Australia, eccetera... Quella mattina di notizie ce n'era una sola e veniva dalla Spagna. Non le fa comodo? Non coincide con i suoi calcoli? Onestamente, non mi interessa.
Torna quindi sul discorso della “lingua strana”. Se avesse letto il libro, saprebbe che mi sono recato all'Università di Genova con un nastro registrato e l'ho lasciato ad un professore di glottologia perché lo esaminasse. Questo docente, dopo averlo ascoltato, mi ha detto che non poteva giungere ad alcuna conclusione, ma che comunque alcune parole potevano far pensare ad un tipo di linguaggio articolato. Come vede, dunque, io non salto ad alcuna conclusione. Mi limito, da cronista, a riportare ciò che mi viene detto da chi ne sa più di me. A questo proposito, farebbe bene a tenere a mente questa semplice considerazione.
E veniamo, infine, al mio libro che ha visto in una vetrina di Torriglia. Per quanto le possa sembrare strano, non si tratta affatto di una mia iniziativa. Ad allestire quella vetrina è stata, in assoluta autonomia, una famiglia di noti negozianti del posto che, in quel modo, hanno voluto festeggiare la decisione del National Geographic di Londra di scegliere la cittadina di Torriglia quale una delle tre locazioni italiane dove il fenomeno Ufo si è presentato più volte. Da qui nasce anche la manifestazione che a settembre si svolgerà proprio a Torriglia.
Comunque, per concludere, le dirò che sono stufo di perdere il mio tempo per rispondere ad uno come lei. Sul caso Zanfretta pensi quello che vuole, ma mi faccia la cortesia di non falsificare i fatti soltanto perché così le fa comodo. Professionalmente parlando, le sue sono informazioni lacunose, approssimative e tendenziose, in qualche caso addirittura false a causa della sua palese ignoranza su quanto è accaduto. Quando si vuole approfondire un argomento o un evento, è necessario avere l'umiltà di voler apprendere e comprendere la verità su quanto si va studiando. Quale che sia. Se si è in buona fede, ovviamente. Ma non è il suo caso. Lei è soltanto un dilettante che sta cercando di ottenere un quarto d'ora di popolarità gettando fango su chi neanche conosce. Non merita dunque né la mia stima, né la mia attenzione. I veri studiosi, mi creda, non hanno nulla a che vedere con tipi come lei.
Rino Di Stefano
OFFLINE
Post: 2,773
Registered in: 12/12/2011
Age: 53
Gender: Male
Elite
Veteran User
8/18/2012 3:29 PM
 
Quote

A me ,personalmente parlando,stupisce la leggerezza per il quale studiosi,ricercatori,giornalisti con residenza vicina a quella di PierFortunato non abbiano mai affrontato il discorso di organizzare e divulgare una ripresa audio-visiva,della durata di 60 secondi,relativa al momento in cui l'ex-addotto si reca sulla cima delle colline,in presenza della tanto discussa scatola.
Questo fa pensare ad una colossale truffa,imbroglio,perpetrato negli anni e a cui la stessa Procura arrivò a pensare,in sede d'indagine,senza però mai ammetterlo.
Non per altro,è vero che oggi come oggi
si possano cancellare facilmente tante affermazioni;il black-out del paese durante l'IR si può attribuire a casualità; il motore dell'autovettura che si spegne può essere imputabile ad una scarsa manutenzione di batteria o motorino d'avviamento;l'orma del piede può essere un falso creato ad hoc,o un animale pesante che si è appollaiato a lungo;il termometro,se irradiato dalla luce abitacolo dell'autovettura,raggiunge tranquillamente i 40 C° a causa dell'effetto-serra del cartone avvolgente (per via della conversione infrarossa della luce);insomma,è piuttosto facile invalidare scritti risalenti a decenni fa.
Però,anche sostenendo in toto gli avvenimenti cronologici così come citati e esposti dal qui oggi utente rinods,
perchè mai non esiste una videoripresa di Zanfretta pochi secondi prima che entri in contatto con il dispositivo alieno della magic-box?
Forse in Liguria non è arrivata la tecnologia video,e si è vergognosamente ancora fermi alle pellicole chimiche?
8/22/2012 8:05 PM
 
Quote

INTERVISTA A PIERFORTUNATO ZANFRETTA

Articolo di Danilo Iosz
Fonte: danilo1966.iobloggo.com/563/intervista-a-zanfretta

Pier Fortunato Zanfretta (Nova Milanese, 28 dicembre 1952) deve la sua notorietà al fatto di sostenere di avere vissuto, tra il 1978 e il 1981, undici episodi di incontro ravvicinato del terzo e quarto tipo con esseri alieni.
Egli descrive questi esseri come di pelle grigia e increspata, alti quasi tre metri, grandi punte sulla testa e occhi triangolari gialli; essi proverrebbero dalla "terza galassia" e sarebbero chiamati "Dargos".
All'epoca dei fatti Zanfretta lavorava come metronotte presso la cooperativa Istituto Val Bisagno di Genova ed i presunti incontri ravvicinati sarebbero avvenuti proprio durante i pattugliamenti notturni che egli svolgeva per lavoro, nella città e provincia.
Zanfretta dichiara di aver ricevuto da questi esseri una sfera (inizialmente destinata all'ufologo Josef Allen Hynek) trasparente contenente un tetraedro dorato che ruoterebbe in sospensione.



L'esistenza di questa sfera non è mai stata provata. Zanfretta afferma di averla custodita in un luogo noto solamente a lui (forse in uno spazio temporale diverso dal nostro) e che gli sia stato sempre vietato mostrare in pubblico il marchingegno.
Racconta inoltre di essersi sentito per molti anni psichicamente forzato a recarvisi almeno due volte al mese, pur ignorando il motivo di tali visite, mentre nell’ultimo periodo le visite si sarebbero ridotte ad una volta al mese.
Egli afferma di aver provato a fotografare la sfera, ottenendo, dopo lo sviluppo, solo l'immagine di cinque punti luminosi.
Negli ultimi anni il tetraedro contenuto nella sfera si sarebbe attivato come se stesse cercando di innescare una predeterminata sequenza di simboli.
Il metronotte afferma che i presunti esseri gli avrebbe promesso di tornare (forse prima della fine di quest’anno), probabilmente in concomitanza con la famosa profezia Maya di cui tutti parlano. (tratto dal sito: Wikipedia).


D.I. : Danilo IOSZ
P.F.Z.: Pier Fortunato ZANFRETTA

D.I.: Sig. Zanfretta, dopo tutti questi anni, la sua vita è radicalmente cambiata a seguito dell’esperienza che è stato costretto a vivere, suo malgrado. Ci racconta chi è oggi l’ex metronotte di Genova?

P.F.Z.: Per quanto io sia ancora dentro a questa vicenda, oggi sono una persona normale con gli stessi problemi che hanno tutti. Il fatto che gli anni passino ed io non sia ancora arrivato alla fine mi infastidisce. Tutto è iniziato a 27 anni ed ora che ne ho 59 vorrei poter tornare indietro nel tempo come se non fosse mai accaduto nulla, ma non posso.

D.I.: Sappiamo, da notizie che lei stesso ha divulgato, che da qualche tempo ormai la particolare sfera contenente il tetraedro dorato, consegnatole in una scatola dalla razza aliena che l’ha rapita la prima volta, è in continua attività e sta cercando forse di attivare una particolare sequenza.
E’ corretto? Ci spiega brevemente di cosa si tratta e a cosa dovrebbe servire, secondo lei, questo macchinario?

P.F.Z.: La scatola con dentro la sfera ed all'interno la piramide d'oro è imbevuta da un liquido celeste. Quando io apro la scatola la piramide emette delle scariche elettriche ed una luce abbagliante. Io la custodisco ancora, se potessi liberarmene lo farei ma non posso. Purtroppo non so a cosa serva, l'unica cosa di cui sono certo e che ogni 15 giorni scarico i dati di tutto quello che faccio nella teca, alla quale accedo attraverso un portale temporale in un’altra dimensione.

D.I.: Secondo le sue percezioni, crede che i “Dargos” siano in procinto di tornare a farsi vivi?

P.F.Z.: Credo che questi esseri stiano per tornare e sappiano che sono in debito con me. Dopo tutti questi anni vorrei dimostrare che loro esistono veramente, me lo devono.

D.I.: Secondo alcuni, il ritorno di questa razza aliena e la scatola che lei custodisce avrebbero a che fare con la profezia dei Maya. Tale profezia predice che la nostra civiltà dovrebbe a breve compiere un salto evolutivo tale da rivelare ai nostri occhi realtà finora immaginate solo nei libri o nei film di fantascienza. Secondo la sua opinione, i Dargos, potrebbero essere la razza prescelta per il contatto con la nostra civiltà?

P.F.Z.: Non so se tutto questo abbia a che fare con la profezia dei Maya ma di sicuro qualcosa cambierà. Anche se non sono un mago né tanto meno un medium, so per certo che loro sapranno quello che c'è da fare.

D.I.: Oggi, c’è una considerazione generale completamente diversa rispetto al fenomeno ufologico ed alle interferenze aliene.
Le persone credono apertamente nella vita aliena, i media ne parlano sempre più spesso e la scienza quanto la religione ammettono finalmente la probabile esistenza di vita nell’universo. Secondo lei, la nostra civiltà è ora in grado di sostenere una rivelazione di tale portata?

P.F.Z.: Credo di si, ma secondo me non siamo ancora pronti ad accettarli. Se la gente venisse informata adeguatamente di ciò che sta accadendo negli ultimi anni non avrebbe paura di incontrarli, invece continuano a far vedere certi stupidi film contro gli alieni seminando informazioni sbagliate. Occorrerebbe fare qualcosa per accoglierli senza paura ma la Chiesa ed il resto del mondo continuano ad impedire che la verità emerga, screditando persone che, come me, semplicemente raccontano l’esperienza vissuta. E’ nel D.N.A. umano accettare ciò che si conosce e si può comprendere, mentre l’istinto di incontrare esseri di altri mondi o di altre dimensioni che non appartengono alla nostra quotidianità è sicuramente un’altra cosa.

D.I.: Nei primi anni della sua esperienza, nutriva probabilmente un sentimento di paura e rabbia nei confronti dei suoi rapitori alieni. Oggi, a distanza di tutto questo tempo, che sentimenti nutre nei confronti di coloro che l’hanno contattata? E’ a conoscenza di altre esperienze analoghe alla sua, vissute da persone con le quali nel frattempo è entrato in contatto?

P.F.Z.: Sono sempre stato terrorizzato dalla loro presenza e, ancora oggi, figuriamoci se sarei lieto di rivederli. Anche se, In realtà, non mi è stato mai fatto alcun male, mi sono sempre chiesto perché non abbiano scelto una persona più intelligente di me per svolgere questa cosa. Riguardo al fatto se in questi anni io abbia mai avuto modo di conoscere persone che abbiano vissuto esperienze analoghe alla mia, la risposta è no.

D.I.: Ho avuto modo di conoscerla personalmente, durante la conferenza di Roma, organizzata dall’ufologo Massimo Fratini nel 2011. La mia sensazione è di aver avuto di fronte una persona umile ed in buona fede, desiderosa di condividere un “peso” portato dentro per molti anni.
E’ convinto che le persone, in generale, credano alla sua incredibile esperienza?

P.F.Z.: Tante persone credono, alcune invece no, ma sinceramente non me ne importa nulla. Io so di averla vissuta di persona. La gente a volte è come San Tommaso, ma se fossero al mio posto anche loro vorrebbero tornare indietro. E’ fin troppo facile darmi del matto, quando non si è vissuto ciò che è avvenuto a me.

D.I.: Secondo il suo personale parere, qual è il vero motivo per cui è stato scelto come interlocutore? Perché proprio lei e non direttamente un personaggio del calibro del professor Hynek al quale, tra l’altro, era destinata la sfera aliena?

P.F.Z.: Se a quel tempo i Dargos, nel 1980, fossero andati direttamente da Hynek a consegnare la scatola io me la sarei sicuramente scampata. In quegli anni io l’ho cercato ma lui non è mai venuto da me per prendere ciò che custodivo. Alla fine è andata cosi: lui è morto, e a me è rimasto sul groppone ciò che non avrei mai voluto avere.

D.I.: Ha mai chiesto ai suoi interlocutori, il perché le era (e le è tuttora) vietato mostrare in pubblico la famosa scatola contenente il marchingegno alieno?

P.F.Z.: Non ho una risposta a questa domanda, perché in realtà a loro non l’ho mai chiesto.

D.I.: Molti credono fermamente che lei racconti una storia vera. Altri, invece, che lei abbia inventato tutto e stia sfruttando la sua immagine per interesse. Cosa sente di dire a queste persone? Qual è il messaggio che vuole divulgare a chi leggerà questa breve intervista?

P.F.Z.: La storia, se cosi la si vuol chiamare purtroppo è vera, io non ho mai guadagnato una lira nelle trasmissioni, nei film che ho girato solo per beneficenza, ma altre persone ne hanno sicuramente tratto dei benefici. Quando ho avuto bisogno, gli amici mi hanno sempre girato le spalle, e il detto “gli amici sono come gli ombrelli, quando servono non li trovi mai” è sicuramente vero. Non m’importa come andrà a finire questa vicenda ma ponetevi solo questa domanda, signori lettori: voi avreste portato avanti questa storia per 34 anni, fino a rovinarvi la vita ed essere chiamato ubriacone, visionario, ecc....ecc.....? Riflettete e mettetevi nei miei panni.....
Ciao a tutti, e vada come vada…

Sig. Zanfretta, non mi resta altro che ringraziarla per il tempo dedicato a questa breve intervista che verrà pubblicata in esclusiva per il blog “Disclosureprojectufo”.
OFFLINE
Post: 29
Registered in: 8/23/2012
Location: ROMA
Age: 34
Gender: Female
Junior User
8/27/2012 8:50 PM
 
Quote

Sono curiosa d sapere cosa succedera' alla fine dell'anno a Zanfretta
OFFLINE
Post: 55
Registered in: 7/8/2011
Location: FONTANELLATO
Age: 58
Gender: Male
Junior User
8/28/2012 7:06 PM
 
Quote

Ciao OVI,
in effetti non c'è un aspetto della vicenda che non possa avere una spiegazione normale. Magari è successo davvero qualcosa di straordinario ma non c'è nulla che porti in quella direzione.
Rimango dell'idea che allora si dovesse fare di più, adesso ormai è tardi.
OFFLINE
Post: 55
Registered in: 7/8/2011
Location: FONTANELLATO
Age: 58
Gender: Male
Junior User
8/28/2012 7:07 PM
 
Quote

Ciao Veronica,
ma che cosa dovrebbe succedere a Zanfretta?
OFFLINE
Post: 29
Registered in: 8/23/2012
Location: ROMA
Age: 34
Gender: Female
Junior User
8/28/2012 7:41 PM
 
Quote

Se torneranno come dice lui .. Semplicemente se avra' entro la fine dell'anno o inizio 2013 qualcos'altro da dire
OFFLINE
Post: 2,773
Registered in: 12/12/2011
Age: 53
Gender: Male
Elite
Veteran User
9/2/2012 8:10 PM
 
Quote

Per chi fosse interessato,c'è una 48 ore di ufologia a Torriglia,paese dell'addotto (presente pure lui).
www.facebook.com/events/451812328186296/-
-
-
'''Torriglia, la cittadina dell'Appennino genovese più volte protagonista di inspiegabili eventi ufologici, chiama a raccolta gli studiosi e gli appassionati del fenomeno Ufo con un convegno di due giorni che si svolgerà sabato 15 e domenica 16 settembre 2012 al Cinema parrocchiale (Piazza della Chiesa). Il primo Meeting Nazionale di Ufologia, patrocinato dalla Regione Liguria, dalla Provincia di Genova, dal Comune di Torriglia e dalla locale Pro Loco, vedrà come ospiti e relatori alcuni tra i più noti espert...i del campo ufologico nazionale. Ad aprire i lavori, sabato pomeriggio nel cinema parrocchiale, sarà Flavio Vanetti, giornalista del Corriere della Sera e titolare del noto blog Mistero bUfo, il quale presenterà il suo ultimo libro “Turisti per Ufo – I 51 luoghi 'alieni' da visitare nel mondo” (Bradipolibri). Nel libro è compresa la località di Torriglia. A seguire Roberto Pinotti, giornalista e scrittore, nonché il più noto divulgatore scientifico del fenomeno Ufo in Italia; Vladimiro Bibolotti, presidente nazionale del Centro Ufologico Nazionale; Piero Marchetti, presidente del Gaus di Firenze; Giorgio Pattera, biologo e responsabile del Dipartimento scientifico del CUN; Alberto Negri, collaboratore del CUN di Piacenza. Moderatore sarà lo storico e scrittore Mauro Casale.
L'indomani, sempre nel pomeriggio, si svolgerà una tavola rotonda sul caso Zanfretta, cioè sull'evento ufologico più noto in Italia, avvenuto quasi interamente nella zona di Torriglia. A fare da moderatore sarà il giornalista Rino Di Stefano, autore del libro “Il caso Zanfretta – La vera storia di un incredibile fatto di cronaca”, giunto quest'anno alla quinta edizione con De Ferrari Editore. Alla tavola rotonda parteciperanno Mauro Moretti, il medico psicoterapeuta che fece le ipnosi regressive a Zanfretta; Roberto Pinotti; Vladimiro Bibolotti, l'astronomo Stefano Berta, Piero Marchetti ed Emy Ventura Balbi, fiduciaria del CUN per la Liguria. Si attende anche la partecipazione straordinaria di Ade Capone, scrittore e autore del libro “Contatto – Incontri ravvicinati con altri mondi” (Piemme Edizioni), nonché autore del noto programma televisivo “Mistero” su Italia 1.
Ospite d'onore sarà Piero Fortunato Zanfretta, che risponderà alle domande del pubblico in sala.
Nelle mattinate di sabato e di domenica verranno organizzate visite guidate (Ufo Tour) con pulmino nei luoghi dove sono avvenuti gli episodi del caso Zanfretta.
Una mostra fotografica e documentale si svolgerà, invece, nella vicina sede scientifica del Parco dell'Antola, per tutta la durata del convegno.
L'ingresso è libero e aperto a tutti. Per eventuali pernottamenti, sistemazioni alberghiere e prenotazioni per gli Ufo Tour, si prega di contattare l'agenzia Fontanabuona Viaggi.'''
-
Rinods,che fai,toccata&fuga su un forum?Rinnovo il mio quesito,chissà che nei prossimi 10 anni non ti capiti di ripassare su Ufologando e possa illuminarci:
''Perchè mai non esiste una videoripresa di Zanfretta pochi secondi prima che entri in contatto con il dispositivo alieno della magic-box?
Forse in Liguria non è arrivata la tecnologia video,e si è vergognosamente ancora fermi alle pellicole chimiche?''
[SM=g8278]




OFFLINE
Post: 29
Registered in: 8/23/2012
Location: ROMA
Age: 34
Gender: Female
Junior User
9/5/2012 12:55 AM
 
Quote

Mi piacerebbe tanto andarci [SM=g28000]
OFFLINE
Post: 1,319
Registered in: 11/10/2011
Location: BARI
Age: 40
Gender: Male
Job/occupation: Programmatore
Mod Ufologando
Veteran User
9/5/2012 10:29 AM
 
Quote



D.I.: Ha mai chiesto ai suoi interlocutori, il perché le era (e le è tuttora) vietato mostrare in pubblico la famosa scatola contenente il marchingegno alieno?

P.F.Z.: Non ho una risposta a questa domanda, perché in realtà a loro non l’ho mai chiesto.


Mistero risolto!
C'è tanta carne al fuoco che farne indigestione è facile.
Ma a capodanno 2013, il buon Zanfretta cambierà le batterie all'affare cinese?
OFFLINE
Post: 29
Registered in: 8/23/2012
Location: ROMA
Age: 34
Gender: Female
Junior User
9/29/2012 1:46 AM
 
Quote

Come si fa per contattare Zanfretta o qualcuno che lo conosce di persona?
OFFLINE
Post: 174
Registered in: 6/12/2011
Age: 110
Gender: Male
Junior User
9/29/2012 3:26 PM
 
Quote

Re:
Veronica(87), 29/09/2012 01.46:

Come si fa per contattare Zanfretta o qualcuno che lo conosce di persona?




replico

Chiedi ai Dargos. [SM=g8360]


Muscanat a tutti.Al prossimo contatto.

OFFLINE
Post: 3,562
Registered in: 7/23/2011
Gender: Male
Master User
9/29/2012 7:36 PM
 
Quote

Veronica(87), 29/09/2012 01.46:

Come si fa per contattare Zanfretta o qualcuno che lo conosce di persona?



Zanfretta purtroppo è stato malissimo, le ultime notizie che ho sono confortanti, ma la botta è stata brutta, spero che si ristabilisca in fretta.

Fortunato Zanfretta colpito da aneurisma lotta per la vita


www.ufoonline.it/2012/09/26/fortunato-zanfretta-colpito-da-aneurisma-lotta-per-...




_______________________________________________________________________________________

Compito della scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza.
OFFLINE
Post: 29
Registered in: 8/23/2012
Location: ROMA
Age: 34
Gender: Female
Junior User
10/3/2012 12:17 AM
 
Quote

Spero si rimetta presto, io volevo dirgli del Dottor Piero Mozzi :(
OFFLINE
Post: 2
Registered in: 10/17/2012
Location: SANT'ANTONIO ABATE
Age: 27
Gender: Male
Junior User
10/17/2012 7:58 PM
 
Quote

Non lo credete..
Ora ha detto nel 2012... quattro anni fa su Rai 2 disse che lo avrebbero reincontrato nel 2010 (vi posto il vecchio testo di Wikipedia, ora modificato e presente solo nella pag. di discussione:

Zanfretta afferma di aver ricevuto dai presunti esseri una sfera (inizialmente destinata all'ufologo Hyneck) trasparente contenente un tetraedro dorato che ruoterebbe in sospensione Essa sarebbe tuttora nascosta in un luogo noto solamente a lui (eventuali altri individui che si avvicinassero, sostiene il metronotte, verrebbero fulminati dalla sfera stessa); Zanfretta racconta di sentirsi psichicamente forzato a recarvisi almeno da due volte al mese, pur ignorando il motivo di tali visite. Il metronotte afferma che i presunti esseri non lo reincontreranno prima del 2010.
http://it.wikipedia.org/wiki/Discussione:Pier_Fortunato_Zanfretta

Ora l'hanno modificata con 2012...:P
OFFLINE
Post: 1,319
Registered in: 11/10/2011
Location: BARI
Age: 40
Gender: Male
Job/occupation: Programmatore
Mod Ufologando
Veteran User
10/18/2012 9:35 AM
 
Quote

Re: Non lo credete..
Manumanu_n9, 17/10/2012 19.58:

Ora ha detto nel 2012... quattro anni fa su Rai 2 disse che lo avrebbero reincontrato nel 2010 (vi posto il vecchio testo di Wikipedia, ora modificato e presente solo nella pag. di discussione:

Zanfretta afferma di aver ricevuto dai presunti esseri una sfera (inizialmente destinata all'ufologo Hyneck) trasparente contenente un tetraedro dorato che ruoterebbe in sospensione Essa sarebbe tuttora nascosta in un luogo noto solamente a lui (eventuali altri individui che si avvicinassero, sostiene il metronotte, verrebbero fulminati dalla sfera stessa); Zanfretta racconta di sentirsi psichicamente forzato a recarvisi almeno da due volte al mese, pur ignorando il motivo di tali visite. Il metronotte afferma che i presunti esseri non lo reincontreranno prima del 2010.
it.wikipedia.org/wiki/Discussione:Pier_Fortunato_Zanfretta

Ora l'hanno modificata con 2012...:P



Intanto, benvenuto sul forum [SM=g8149]

Quel che dici corrisponde a realtà e sono sempre stato scettico in relazione alla scatola cinese, consegnatagli dagli esseri spaziali. Ora che le lucine si sono accese tutte (si parla del 2010) e non è accaduto nulla, tutto slitta ad un'altra data, così come succedere il 22 dicembre di quest'anno, trovando un'ennesima scusa.

E' il prezzo da pagare [SM=g8891]
OFFLINE
10/18/2012 9:50 AM
 
Quote

Re: Re: Non lo credete..
Stige81, 18/10/2012 09.35:



Quel che dici corrisponde a realtà e sono sempre stato scettico in relazione alla scatola cinese, consegnatagli dagli esseri spaziali. Ora che le lucine si sono accese tutte (si parla del 2010) e non è accaduto nulla, tutto slitta ad un'altra data, così come succedere il 22 dicembre di quest'anno, trovando un'ennesima scusa.

E' il prezzo da pagare [SM=g8891]




E se i Dargos fossero inaffidabili?....Ti promettono una cosa e poi non mantengono....ad esempio dicono a Zanfretta "Ci vediamo nel 2010" e poi non si presentano [SM=g10251] ... oppure gli ammollano il pacco spaziale col tetraedro galleggiante all'interno e poi se ne fregano dei problemi di Zanfretta e glielo lasciano a tempo indeterminato....insomma che gli alieni siano precisi come gli Svizzeri è secondo me un luogo comune che andrebbe sfatato...L'alieno "Sola" potrebbe essere una realtà [SM=g27988]


OFFLINE
Post: 1,319
Registered in: 11/10/2011
Location: BARI
Age: 40
Gender: Male
Job/occupation: Programmatore
Mod Ufologando
Veteran User
10/18/2012 9:56 AM
 
Quote

Re: Re: Re: Non lo credete..
zambu83, 18/10/2012 09.50:




E se i Dargos fossero inaffidabili?....Ti promettono una cosa e poi non mantengono....ad esempio dicono a Zanfretta "Ci vediamo nel 2010" e poi non si presentano [SM=g10251] ... oppure gli ammollano il pacco spaziale col tetraedro galleggiante all'interno e poi se ne fregano dei problemi di Zanfretta e glielo lasciano a tempo indeterminato....insomma che gli alieni siano precisi come gli Svizzeri è secondo me un luogo comune che andrebbe sfatato...L'alieno "Sola" potrebbe essere una realtà [SM=g27988]




Lo so, anche io ci sono rimasto male quando mi dissero che Babbo Natale non è mai esistito [SM=g8161]
OFFLINE
10/18/2012 7:44 PM
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Non lo credete..
Stige81, 18/10/2012 09.56:


Lo so, anche io ci sono rimasto male quando mi dissero che Babbo Natale non è mai esistito [SM=g8161]




Ma Io non ho detto che i Dargos non esistono,ho detto che potrebbero essere dei "Sola"....I sola di un'altra galassia ma sempre sola....
Chiaramente per convincerci dell'esistenza dei "Sola della galassia lontana" Zanfretta dovrebbe mostrarci qualche piccola prova della loro esistenza che vada al di là del semplice racconto...ecco,Io mi accontenterei della scatola magica donata dai Dargos....Sono troppo esigente? [SM=g8884]


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 4 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Questo forum non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro). L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.



<!script type="text/javascript" src="http://codice.shinystat.com/cgi-bin/getcod.cgi?USER=ufologando"> <!noscript> <!a href="http://www.shinystat.com/it" target="_top"> <!img src="http://www.shinystat.com/cgi-bin/shinystat.cgi?USER=ufologando" alt="Contatore visite gratuito" border="0" /> <!/noscript> Eman Engine Stats Directory www.Siti-Web-Bologna.it

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:12 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com